Politica e Potere
Ignazio Cassis in Consiglio federale: i pro e i contro del deputato ticinese secondo il Blick. Esperienza, notorietà, simpatia... Ma anche conflitti di interesse e scarsa capacità di leadership...
Il ‘Bick’ lo definisce “il ticinese più conosciuto sotto la cupola federale assieme a Filippo Lombardi”. Ma “Pochi parlamentari ricoprono così tante cariche come Cassis, aspetto che ha rischiato di costargli anche la rielezione al Nazionale”
fotomontaggio della Luzerner Zeitung
BERNA - Il “Blick” ha stilato una lista di pro e contro sulla candidatura del consigliere nazionale Ignazio Cassis alla successione di Didier Burkhalter in Consiglio federale.

I pro

Cassis ha una lunga esperienza parlamentare ed è esperto di politica sanitaria, essendo stato membro della Commissione della sicurezza sociale e della sanità. È inoltre molto noto toltre Gottardo: il ‘Bick’ lo definisce “il ticinese più conosciuto sotto la cupola federale assieme a Filippo Lombardi”.
Parla correntemente le tre principali lingue nazionali: tedesco, francese e italiano. “Non deve mai cercare parole nel dizionario e non sorprenderebbe se iniziasse a parlare anche il romancio".
Ha inoltre un carattere affabile: “Parlare con lui è piacevole. È disponibile e amichevole nei toni,  sempre cordiale, ed è apprezzato tanto a destra quanto a sinistra”.

I contro

Qui l’elemento principale è quello dei conflitti d’interesse: “Pochi parlamentari – scrive il ‘Blick’ - ricoprono così tante cariche come Cassis, aspetto che ha rischiato di costargli anche la rielezione al Nazionale”. Cassis è presidente dell'associazione di casse malati Curafutura (che gli rende 180mila franchi all’anno).
Il giornale ricorda che proprio questo ruolo lo ha indotto a lasciare, “dopo roventi polemiche, il CdA dell'Ente ospedaliero cantonale nel 2013".

Cassis fa anche parte dell’associazione mantello delle case anziani e della Fondazione Radix.
Non ha infine una grande leadership. Sempre secondo il ‘Blick’, non ha la capacità di leader del suo predecessore come capogruppo del PLR, Gabi Huter. E la leadership è una qualità fondamentale per dirigere un Dipartimento.



Pubblicato il 16.06.2017 16:41

Guarda anche
Politica e Potere
Farinelli: "Tutto quello che ho fatto come presidente della Sottocommissione di vigilanza l’ho fatto in buona fede e ho la coscienza tranquilla. Noi abbiamo un verbale reso dal signor Scheurer di fronte a 6 deputati, e registrato, che dimostra in modo inequivocabile tutta una serie di circostanze"
Politica e Potere
Ricapitoliamo la vicenda del mandato all’agenzia di sicurezza Argo 1, finita nei mesi scorsi nella bufera giudiziaria che ha fatto emergere le irregolarità amministrative. È un esercizio di memoria fondamentale per capire gli ultimi sviluppi del caso. Le domande sono ovvie: per quale motivo Scheurer ha cambiato versione? E qual è la verità?
Politica e Potere
Il direttore dell’Ufficio del sostegno sociale aveva dichiarato di essere stato consapevole fin dal 2015 – come l’allora direttore della Divisione dell’azione sociale, Blotti – della mancanza di una risoluzione governativa che legittimasse l’incarico alla Argo 1
Politica e Potere
Il Consigliere Nazionale leghista: "Sarà il primo passo per introdurre mobility pricing, road pricing e altre analoghe boiate per mungere ulteriormente gli automobilisti"