Cronaca
Bacchica, Armando Boneff va controcorrente: "Faccio ammenda e dico che i nostri esercenti, soliti a piangere miseria, hanno dimostrato di essere esosi e straviziati, inadeguati per una città che vuole essere dinamica"
L'ex deputato: "L'Olimpia all'una, alla fine della serata musicale, era già chiuso con le luci spente, il Vanini ci ha cacciato dal tavolino... proprio quando la gente cerca un approdo per concludere la serata. La legge per il prolungamento delle aperture fino alle due non ha fatto breccia. Manca la mentalità e soprattutto la fame..."
Foto: TiPress/Gabriele Putzu
LUGANO - Dopo le critiche che hanno accompagnato anche questa edizione estiva della Bacchica a Lugano, l'ex deputato Armando Boneff va controrrente. Su Facebook elogia la manifestazione e non lesina una stoccata a chi per primo l'ha criticaca, Guido Sassi, patron del ristorante Olimpia.

"Per chi criticava la Bacchica - scrive -, me compreso che faccio pubblica ammenda. Un' orchestra di ben dodici elementi ha suonato e divertito la piazza gremita di gente di ogni età. C'era un'atmosfera festosa degna di ogni località turistica che si rispetti. Ma i nostri esercenti, soliti a piangere miseria, hanno dimostrato di essere esosi e straviziati, inadeguati per una città che vuole essere dinamica: l'Olimpia all'una, alla fine della serata musicale, era già chiuso con le luci spente, il Vanini ci ha cacciato dal tavolino... proprio quando la gente cerca un approdo per concludere la serata. La legge per il prolungamento delle aperture fino alle due non ha fatto breccia. Manca la mentalità e soprattutto la fame...

Pubblicato il 18.06.2017 19:40

Guarda anche
Cronaca
L'uomo è presunto autore di usura per mestiere subordinatamente usura, appropriazione indebita, falsità in documenti e coazione nei confronti di alcuni dipendenti
Cronaca
L'attrice italiana al quotidiano La Stampa: "La cosa più sconvolgente sono le accuse delle donne italiane, la criminalizzazione delle vittime delle violenze. Ma ora questi uomini, questi mostri, dovranno avere paura così come noi, ogni volta che li abbiamo incontrati, che siamo rimaste da sole con loro, ne abbiamo avuta"
Cronaca
E adesso non c’è più nemmeno lui… Ilario Fidanza si è spento oggi sul mezzogiorno alla Clinica Hildebrand di Brissago, dov’era ricoverato da alcuni giorni al termine di una malattia che l’ha colpito qualche mese fa e, settimana dopo settimana, se l’è portato via, nonostante ripetuti segnali di ripresa. Aveva 74 anni
Cronaca
Il caso è quello che abbiamo sollevato ieri: il Comando aveva chiesto di installare una tettoia sopra una delle entrate dell’edificio che, essendo a tetto piatto, quando piove causa disagi per chi entra e chi esce