Cronaca
Bacchica, Armando Boneff va controcorrente: "Faccio ammenda e dico che i nostri esercenti, soliti a piangere miseria, hanno dimostrato di essere esosi e straviziati, inadeguati per una città che vuole essere dinamica"
L'ex deputato: "L'Olimpia all'una, alla fine della serata musicale, era già chiuso con le luci spente, il Vanini ci ha cacciato dal tavolino... proprio quando la gente cerca un approdo per concludere la serata. La legge per il prolungamento delle aperture fino alle due non ha fatto breccia. Manca la mentalità e soprattutto la fame..."
Foto: TiPress/Gabriele Putzu
LUGANO - Dopo le critiche che hanno accompagnato anche questa edizione estiva della Bacchica a Lugano, l'ex deputato Armando Boneff va controrrente. Su Facebook elogia la manifestazione e non lesina una stoccata a chi per primo l'ha criticaca, Guido Sassi, patron del ristorante Olimpia.

"Per chi criticava la Bacchica - scrive -, me compreso che faccio pubblica ammenda. Un' orchestra di ben dodici elementi ha suonato e divertito la piazza gremita di gente di ogni età. C'era un'atmosfera festosa degna di ogni località turistica che si rispetti. Ma i nostri esercenti, soliti a piangere miseria, hanno dimostrato di essere esosi e straviziati, inadeguati per una città che vuole essere dinamica: l'Olimpia all'una, alla fine della serata musicale, era già chiuso con le luci spente, il Vanini ci ha cacciato dal tavolino... proprio quando la gente cerca un approdo per concludere la serata. La legge per il prolungamento delle aperture fino alle due non ha fatto breccia. Manca la mentalità e soprattutto la fame...

Pubblicato il 18.06.2017 19:40

Guarda anche
Cronaca
Il giovane keniota che mercoledì scorso ha provocato il frontale con un camion nella galleria del San Gottardo era probabilmente un passatore. Il 22enne è morto in seguito all’incidente, come il camionista di 78 anni che stava trasportando verso il Ticino un carico di finestre
Cronaca
L'ipotesi di reato al vaglio degli inquirenti è di istigazione e aiuto al suicidio legata in particolare agli aspetti finanziari di questa attività. L'inchiesta è coordinata dal Procuratore pubblico Andrea Minesso
Cronaca
Le persone finite in carcere sono un 41enne e una 49enne, entrambi cittadini italiani residenti nel Luganese. L'inchiesta è coordinata dal Procuratore pubblico Moreno Capella
  • Le più lette