Crisi e Lavoro
Navigazione: l'altra sponda dello sciopero. Una commerciante: "Senza battelli non si vede l'ombra di un turista. E se noi piccoli non lavoriamo il mese di luglio..."
Il post su Facebook della titolare di un negozio a Magadino: "Noi dobbiamo accumulare d'estate per far fronte ai mesi invernali dove il turismo è pressoché inesistente. Ma se lo sciopero persiste la vedo dura, ben consapevoli da sempre che il rischio è esclusivamente solo nostro è non abbiamo diritto a tutela alcuna. Finora siamo stati solidali con gli scioperanti, ma adesso dobbiamo farci sentire..."
Ti Press
MAGADINO - Poche parole accorate che Facebook ha in poco tempo reso virale. Un post dalla sponda sinistra del Lago Maggiore che è un po’ anche l’altra sponda della vicenda dello sciopero della navigazione. A scriverlo una commerciante di Magadino, P.D, che ha voluto descrivere le conseguenze che le braccia incrociate dei “battelieri” hanno su altri lavoratori.

 

“Calma piatta - scrive la signore - sul lago Maggiore. Ancora nessun battello all’orizzonte. Per noi piccoli commercianti della sponda sinistra del lago la stagnante situazione inizia ad essere pesante. Da ormai parecchi giorni siamo confrontati con un silenzio disarmante. Senza i quotidiani collegamenti con la sponda destra garantiti dai battelli non si vede la più pallida ombra di un turista. E se non si lavora nel mese di luglio .... mah!!!”.

 

“Ci possiamo paragonare - scrive la commerciante - alla nota favola di Esopo della cicala e della formica. Noi dobbiamo accumulare d'estate per far fronte ai mesi invernali dove il turismo è pressoché inesistente. Ma se lo sciopero persiste la vedo dura, ben consapevoli da sempre che il rischio è esclusivamente solo nostro è non abbiamo diritto a tutela alcuna”.

 

“Finora - la conclusione del post - siamo stati solidali con gli scioperanti ma ora, in considerazione anche dei recenti sviluppi della vertenza, anche noi che campiamo di riflesso abbiamo la necessità di farci sentire poiché non avendo appunto garanzie dobbiamo bastare a noi stessi. Attendiamo quindi una celere soluzione che vada incontro agli interessi di tutti”.



Pubblicato il 13.07.2017 18:19

Guarda anche
Crisi e Lavoro
Il sindacato torna sul tema che ha tenuto banco in queste settimane. E minaccia una nuova iniziativa popolare se non verrà adottato un salario minimo di almeno 21 franchi…
Crisi e Lavoro
La vicepresidente del PLR: "Occorre lavorare per mantenere il potere d’acquisto generato, anche con l’introduzione di salari minimi, mettendo davvero i lavoratori su un piano di eguaglianza e riducendo la distorsione del potere d’acquisto determinato dai differenti costi della vita al di là e al di qua della frontiera"
Crisi e Lavoro
Il PS: "La decisione dei giudici di Losanna non lascia spazio a nessuna interpretazione e fa giurisprudenza anche per il nostro Cantone. Il Tribunale federale è infatti stato chiarissimo affermando che un salario minimo, che permetta di evitare il fenomeno dei “working poor”, non mette assolutamente in discussione la libertà economica"
Crisi e Lavoro
L'ex ministro italiano dell'economia: "Nel 2007 l'eccesso di liquidità fu la causa della crisi, con i prestiti subprime. C'era un eccesso di finanza incontrollata. Rispetto ad allora ci sono due differenze. Quantitativamente: i numeri del 2007 erano eccessivi, adesso sono esplosivi. Qualitativamente: tra i soggetti della finanza è in atto un'incredibile, accelerata, mutazione della specie"