Politica e Potere
La proposta del deputato PS Cédric Wermuth: "Ius soli anche in Svizzera". La risposta del presidente UDC Piero Marchesi: "Per la sinistra il passaporto svizzero come la carta Cumulus o i buoni della benzina"
L'esponente socialista propone che tutti quelli che nascono sul territorio elvetico ottengano automaticamente la cittadinanza, come avviene negli Stati Uniti. Il democentrista ticinese: "Loro vogliono relegare l'ottenimento del passaporto svizzero a pura formalità"
Ti Press
BERNA - Ius soli anche in Svizzera. È questa la proposta del Consigliere Nazionale Cédric Wermuth.

 

Secondo l’esponente socialista, infatti, anche nel nostro Paese, come avviene ad esempio negli Stati Uniti, tutti quelli che nascono sul territorio elvetico dovrebbero avere automaticamente diritto al passaporto svizzero.

 

“È assurdo - ha detto Wermuth in un’intervista concessa a Watson - che due persone non abbiano gli stessi diritti solo perché i genitori provengono da nazioni diverse. La cittadinanza è solo l’inizio dell’integrazione, non la fine. È inconcepibile che molte persone vivano in Svizzera senza poter esprimere quello che pensano. È antidemocratico”.

 

La proposta sta facendo parecchio discutere in rete. In Ticino è stata rilanciata dal presidente dell’UDC Piero Marchesi, che non risparmia le critiche, al parlamentare PS.

 

“Cosa avevamo detto nella campagna contro le naturalizzazioni agevolate per gli stranieri della terza generazione? - ha scritto Marchesi su Facebook - Se la sinistra avesse vinto la votazione sarebbe presto arrivata una nuova proposta atta ad indebolire il sistema di rilascio della cittadinanza, rendendola vieppiú automatica. Detto, fatto! Non siamo degli indovini noi dell'UDC, ma oramai il disegno della sinistra - per dire il vero ben supportato dai partiti di centro - è chiaro. Loro vogliono relegare l'ottenimento del passaporto svizzero a pura formalità. Come la carta Cumulus, o i buoni fedeltà della stazione di benzina. Noi ci opponiamo con forza a questa deriva, statene certi!”.



Pubblicato il 15.07.2017 17:19

Guarda anche
Politica e Potere
L’aveva detto e l’ha fatto. Insieme ad alcuni amici di vita e di pedale, come Mauro Gianetti, Marco Vitali e Manuele Morelli, Rocco Cattaneo è partito questa mattina all’alba per Berna in sella alla sua bicicletta. Ritrovo al City di Monte Ceneri, e poi via come il vento, mangiando uno dopo l’altro quei 251 chilometri che separano Rivera dalla Capitale
Politica e Potere
Il vicepresidente del PPD: "In questo contesto sgradevole, con tutto questo vociare in una sola direzione, la gente si sente confusa e disorientata: non solo la base popolare democratica, ma tante altre migliaia di cittadini attente alla cosa pubblica. Lo si comprende ed è quindi giunto il momento che i popolari democratici facciano sentire la propria voce"
Politica e Potere
“Sono convinto - dichiara Rocco Cattaneo - che la bici sia il mezzo di trasporto del futuro e contribuirà sempre più a risolvere i problemi della mobilità nelle zone urbane. Così come già dimostrato in molte città del Nord Europa o nella Svizzera d’oltre Alpe. Andare in bici oltretutto è divertente e salutare: ti mette subito di buon umore"