Bar Sport
Non è un Re ma un Imperatore: chiamiamolo Roger Magno. Federer vince Wimbledon per l'ottava volta: nessuno come lui nella storia del tennis
Lo svizzero, prossimo a 36 anni (ma l’anagrafe per lui sembra non contare…) ha sconfitto in finale Marin Cilic per 6/3 6/1 6/4 in poco più di un'ora e mezza di gioco: 3 set a 0 e tutti a casa
LONDRA - E sono otto. Roger Federer ha vinto ancora una volta Wimbledon aggiungendo un altro straordinario capitolo alla sua stupefacente carriera. E un altro record: è infatti il primo tennista della storia ad uscire per l’ottava volta vincitore dai prati del torneo londinese. Più che un Re, a questo punto, un vero e proprio imperatore: chiamiamolo Roger Magno.

 

Lo svizzero, prossimo a 36 anni (ma l’anagrafe per lui sembra non contare…) ha sconfitto in finale Marin Cilic per 6/3 6/1 6/4 in poco più di un'ora e mezza di gioco: 3 set a 0 e tutti a casa.

 

Per Federer si tratta del 19esimo titolo del Grande Slam. Altro record ma ormai non si contano più…..



Pubblicato il 16.07.2017 17:07

Guarda anche
Bar Sport
Il presidente Renzetti, e quei tifosi bianconeri che ancora si accalorano, lascino andare Paolo Tramezzani al suo destino, con quell’indifferenza che è attitudine dei forti. C’è una nuova squadra e un nuovo staff tecnico a cui dedicare ogni energia e ogni attenzione. Il progetto su cui concentrarsi è questo, senza altre distrazioni. E trovare un attaccante è molto più importante di qualunque allenatore. Del presente o del passato
Bar Sport
In attesa della finale di Wimbledon, il ministro della sanità e della socialità dedica un pensiero al grande tennista rossocrociato: "In un mondo dove tropo spesso sembra prevalere la paura sulla speranza, sembra incredibile che uno sportivo riesca ad unire e costruire ponti"
Bar Sport
Sempre più spesso, quando natura consente, sport e seduzione, sport e… provocazione, vanno a braccetto. E non solo tra le tenniste. GALLERY
Bar Sport
Per la prossima stagione la società ha già depositato le garanzie bancarie, condizione indispensabile per ottenere la licenza di gioco, ma il problema rimane quello di chiudere la stagione in corso prima che qualche creditore esasperato chieda il fallimento