Bar Sport
Non è un Re ma un Imperatore: chiamiamolo Roger Magno. Federer vince Wimbledon per l'ottava volta: nessuno come lui nella storia del tennis
Lo svizzero, prossimo a 36 anni (ma l’anagrafe per lui sembra non contare…) ha sconfitto in finale Marin Cilic per 6/3 6/1 6/4 in poco più di un'ora e mezza di gioco: 3 set a 0 e tutti a casa
LONDRA - E sono otto. Roger Federer ha vinto ancora una volta Wimbledon aggiungendo un altro straordinario capitolo alla sua stupefacente carriera. E un altro record: è infatti il primo tennista della storia ad uscire per l’ottava volta vincitore dai prati del torneo londinese. Più che un Re, a questo punto, un vero e proprio imperatore: chiamiamolo Roger Magno.

 

Lo svizzero, prossimo a 36 anni (ma l’anagrafe per lui sembra non contare…) ha sconfitto in finale Marin Cilic per 6/3 6/1 6/4 in poco più di un'ora e mezza di gioco: 3 set a 0 e tutti a casa.

 

Per Federer si tratta del 19esimo titolo del Grande Slam. Altro record ma ormai non si contano più…..



Pubblicato il 16.07.2017 17:07

Guarda anche
Bar Sport
Il presidente del Sion, come se nulla fosse, dopo aver malmenato l'ex CT della Nazionale si è presentato ai microfoni per spiegare il suo gesto: "Fringer ha scritto un articolo in cui mi ha criticato e maltrattato pesantemente... quindi sono andato a regolare i conti con lui”
Bar Sport
A quanto pare all’origine dell’inqualificabile gesto da parte del numero uno dei vallesani, ci sarebbero alcune tesi critiche che Fringer aveva espresso in settimana nei suoi confronti. IL VIDEO DELL'AGGRESSIONE
Bar Sport
In seguito all'elezione di David Lappartient alla presidenza dell’Unione ciclistica internazionale, Rocco Cattaneo è stato eletto oggi pomeriggio presidente della Federazione europea di ciclismo
Bar Sport
L'ANALISI - La squadra di Pierre Tami ha perso in Israele a causa della somma di quattro fattori: inesperienza (nell’approccio alla gara e nel leggere i momenti decisivi), ingenuità (sui due calci di rigore), fisicità (troppa differenza di stazza tra gli interpreti delle due squadre), mancanza di peso offensivo. Quattro fattori che si comprano al mercato oppure, in qualche misura, si tenta di allenare giocando queste partite. Ma non mancano gli spunti positivi