Mixer
È morto George Romero, il regista che ha creato un mito: il mito degli zombie, che siamo tutti noi, schiavi del capitalismo e della società dei consumi. E che ci ha lasciato un film politico e terrificante Video
Scrive il critico cinematografico Marco Giusti: “Non ci sarà mai più un film di zombi terrificante e così politico come La notte dei morti viventi di George Romero, scomparso a 77 anni, dopo una vita dedicata al cinema dell’orrore"
TORONTO – È morto ieri a Toronto il regista americano George Romero, colui che ha inventato gli zombie. Nato a New York, nel Bronx, nel 1940 da padre esule cubano e madre di origini lituane, Romero si formò a Pittsburgh, dove girò i suoi primi film pubblicitari e fece nascere ‘La notte dei morti viventi’ assieme a John Russo e a un gruppo di amici.

Scrive il critico cinematografico Marco Giusti sul portale Dagospia: “Non ci sarà mai più un film di zombi terrificante e così politico come La notte dei morti viventi di George Romero, scomparso a 77 anni, dopo una vita dedicata al cinema dell’orrore, alle sue creature in decomposizione, spesso molto più simpatiche e gentili dei viventi. Dobbiamo ritornare al 1968, alla guerra in Vietnam, al cinema americano in crisi, per renderci conto dell’effetto che fece sui ragazzi di tutto il mondo La notte dei morti viventi, un film poverissimo, girato in bianco e nero, dove le regole del cinema commerciale erano finalmente sovvertite, l’eroe poteva essere un nero e i vincitori i morti viventi”.



Un effetto, prosegue Giusti, “che trovò poi una eco ancora maggiore dieci anni dopo in Zombi o Dawn of the Dead, sia in versione originale che in versione europea, rivista e rimontata da Dario Argento con le musiche dei Goblin. 500 mila dollari di budget per 55 milioni di dollari di incasso in tutto il mondo. Un film dove gli zombi eravamo noi, schiavi del capitalismo e della società dei consumi (…). Per Romero gli zombi non sono mai stati solo sfruttamento di un genere, come accadrà nelle centinaia di produzioni di zombi che piomberanno sulle nostre sale e sui nostri schermi televisivi dopo il successo di Zombi nel 1978”.


Pubblicato il 17.07.2017 10:37

Guarda anche
Mixer
La show girl ticinese: "Mi diceva di stare alla larga da chi aveva dentro di sé ‘Finzione’, che è l' energia negativa. Guardacaso, secondo lei, ne ero circondata: la colf, l'autista... Una sera avevo programmato di andare a teatro con una decina di amici: lei mi telefonò per dirmi di annullare. Sarebbe stato negativo per la mia energia. E io annullai”
Mixer
I sogni di un ragazzo che ama danzare... "Finiti i tre anni di accademia a Milano son partito per gli Stati Uniti, dove ho iniziato a seguire le lezioni tenute dai migliori ballerini hip hop del mondo, ho conosciuto un mondo nuovo che mi ha da subito affascinato"
Mixer
I vampiri sono veramente fra noi, e bevono sangue, come nei film e nelle leggende. Come nelle storie del conte Dracula o di Nosferatu. Ma qui non siamo in Romania, dove visse nel Quattrocento il nobiluomo sanguinario Vlad III “l’Impalatore”. Qui siamo a Meldola, in Romagna
Mixer
La showgirl italiana si è lanciata in una confessione a tutto campo sulla sua vita: " Il sesso ora è l'ultimo dei miei pensieri, mi ha troppo spesso deviato le scelte. Molto spesso ho scelto degli uomini in base all'attrazione sessuale. Gli uomini dovrebbero provare il gusto dell'impotenza senza frustrazione"