Cronaca
L'idiozia e la crudeltà umana non hanno limiti. In Spagna scoppia una feroce polemica sul video del ragazzo che calcia un coniglio come fosse un pallone gridando 'Cristiano Ronaldo!'. Le immagini sono brutali Video
Il sito Forocoches.com, su cui era stata caricata la clip, ha subito oscurato le immagini e sta cercando di identificare l’autore o quantomeno l’intestatario dell’account
MADRID – Ecco, a un individuo del genere bisognerebbe tagliare un piede, così a calcio non ci gioca più. L’idiozia e la crudeltà umana - la crudeltà gratuita - non hanno davvero limiti. È il video brutale e violento che mostra un ragazzo che dopo aver preso la rincorsa come per tirare una punizione calcia un coniglio su una stradina di campagna, come fosse un pallone gridando ‘Cristiano Ronaldo!’ ha scatenato feroci polemiche in Spagna.

L’animale vola via fino a ricadere nel campo vicino e l’idiota se la ride di gusto. Il sito Forocoches.com, su cui era stata caricata la clip, ha subito oscurato le immagini e sta cercando di identificare l’autore o quantomeno l’intestatario dell’account. Secondo la legge spagnola il ragazzo potrebbe essere condannato a una pena compresa tra tre mesi e un anno di carcere.



Pubblicato il 18.07.2017 09:27

Guarda anche
Cronaca
Coloro che si rifanno alla dottrina estrema del salafismo che vuole riportare l’islam ai primordi sono in continuo aumento nel paese, una crescita esponenziale considerato che nel 2011 erano 3.850, nel 2015 8.350 e nel 2017 10.000
Cronaca
Angioni traccia un quadro del rischio terrorismo in Europa dopo l'ultimo attentato a Barcellona. Il problema, spiega, non è l'Isis: "È la sua influenza ideologica che rischia di permanere anche qualora dovesse essere fisicamente eliminato. La sua eliminazione fisica non risolverà il problema, anche perché abbiamo imparato che queste organizzazioni e queste sigle cambiano ma il problema resta"
Cronaca
Oggi per lo storico capo della Scientifica è stato l'ultimo giorno di lavoro. Nasconde la nostalgia dietro una frase lapidaria: “Da oggi si cambia. Tutto qui…”. Niente lacrimucce, bando alla commozione... Ma siamo certi che oggi quei 37 anni gli sono passati davanti agli occhi come la pellicola di un film, con il loro carico di ricordi, di successi, di sconfitte, di immagini, di volti, di incontri…
Cronaca
Il caso è stato segnalato da un passeggero che si è accorto del problema questa mattina all'alba mentre aspettava il primo treno per Locarno