Bar Sport
Più che la sfida del secolo, il pacco del secolo. La gara-truffa tra il grande squalo bianco e il pluricampione olimpico Michael Phelps scatena la delusione dei telespettatori  Video
Dopo che i promotori dell'evento di Discovery Channel avevano annunciato per settimane “un avvenimento di portata così monumentale", ecco che cosa è successo....GUARDA IL VIDEO
CAPE TOWN - Più che la sfida del secolo, il pacco del secolo. Ha generato una profonda delusione l’attesissimo programma che prometteva le riprese della storica gara tra il grande squalo bianco e lo squalo delle piscine, il pluricampione olimpico Michael Phelps.

 

Una delusione dovuta anche all’imponente campagna pubblicitaria dell’evento da parte di Discovery Channel, promotore della sfida, che annunciava “un avvenimento di portata così monumentale che nessuno l' ha mai tentato prima”. La gara, per l’appunto, nelle acque del mare del Sudafrica tra il grande predatore e il campionissimo.

 

Il confronto, in effetti, c’è stato ma soltanto virtualmente. Phelps e lo squalo hanno infatti “gareggiato” separatamente. E solo il montaggio delle immagini ha messo fianco a fianco i due protagonisti. Tanto che molti telespettatori hanno parlato di sfida-truffa.

 

Secondo le ricostruzioni riportate dalla stampa sarebbe stato proprio Phelps a tirarsi indietro all’ultimo momento. Una tesi avvalorata implicitamente anche dallo stesso campione: “Rispondo alla domanda che penso tutti si siano fatti in queste settimane: non siamo stati in acqua nello stesso momento. Sono rimasto al sicuro perché questa era la mia priorità numero 1. E' stata comunque dura per la bassa temperatura dell' acqua, 13 gradi”.

 

Ha vinto lo squalo, giusto per la cronaca…..



Pubblicato il 25.07.2017 10:40

Guarda anche
Bar Sport
Montella paga un inizio di stagione disastroso dopo un mercato che ha visto il club di via Aldo Rossi, guidato dalla nuova proprietà cinese, investire sul mercato oltre 200 milioni di Euro. In 14 partite, l’allenatore campano ha racimolato appena 20 punti: con 6 vittorie, 2 pareggi e ben 6 sconfitte (arrivate tutte con le prime squadre della classifica)
Bar Sport
La vicenda, da cronaca "green" più che "rosa", si sarebbe potuta probabilmente risolvere in modo meno formale, spiegando a voce il problema alle interessate. Perché è difficile pensare che, come auspica il finale della lettera, quel rimbrotto rimanga “senza strascichi”…
Bar Sport
Il responsabile dei direttori di gara ticinese denuncia e dettaglia la crisi del settore: "All’ultimo corso per arbitri se ne sono iscritti 19. Quelli che hanno concluso positivamente il programma non erano più di 7….Spesso ci troviamo a dovere accettare situazioni improponibili con la necessità di richiedere agli arbitri di dirigere 2 o 3 partite in un fine settimana"
Bar Sport
L'ANALISI - Ora è il tempo dei processi. Si faranno tanti discorsi, conditi da luccicanti buoni propositi da vendere all’opinione pubblica, ma alla fine cambierà poco o nulla. Per fare la rivoluzione servono i rivoluzionari o i soldi: l’Italia non ha né l'una e né l'altra cosa. Quel poco che si può fare però va fatto
  • Le più lette