Cronaca
Un 2017 di "compleanni" importanti. Il Festival del Film di Locarno ne fa 70, Electronic Studio (oggi EVENTMORE) ne compie 30
Tutto è cominciato nel 1987 in Via Panigari numero 13 a Locarno, vialetto racchiuso tra edifici storici e profumo di lago. Due giovani che avevano appena terminato gli studi decidono di aprire un negozio di radio e tv.....
LOCARNO - Potrebbe essere la trama di un film, di quelli che scaldano il cuore e lasciano note positive nell’aria. Una storia che narra di amicizia e imprenditorialità ticinese.

 

Tutto nasce nel 1987 in Via Panigari numero 13 a Locarno, vialetto racchiuso tra edifici storici e profumo di lago. Due giovani che avevano appena terminato gli studi decidono di aprire un negozio di radio e tv. Il sogno di una vita, costruire qualcosa di proprio. Sono Fabio Grassi e Flavio Cappello. Non passa molto tempo che al gruppo si unisce Antonio Silvestro e da quel momento parte l’avventura che prende il nome di Electronic Studio. Un’avventura che dura da 30 anni grazie alla profonda amicizia che lega i tre imprenditori locali e che guarda con ottimismo e sperimentazione al futuro.

 

Ma torniamo alla nostra storia. Dopo il primo negozio, passo successivo dei tre fu l’apertura a Bellinzona di un secondo punto vendita. La naturale evoluzione del mercato portò in seguito la trasformazione della rivendita radio Hi-Fi, in una società specializzata nella fornitura di assistenza audio-video professionale. Ai tempi era considerato un business pioneristico in quanto il mercato della tecnica era saldamente ancorato alle proprie radici e il concetto di servizio ancora agli albori. Il primo grande progetto è stata la creazione dell’avveniristica discoteca Alcatraz nel 1990. Nel 2000 l’azienda aprì le porte all’ambito congressuale sperimentando nuove tecniche e nuove prestazioni come le traduzioni simultanee, le cabine regia e i meeting aziendali.

 

Passo dopo passo Electronic Studio si è avvicinata anche ai grandi eventi open air, in modo particolare al Festival del Film, oggi Locarno Festival. Ai tempi le richieste del Festival erano ristrette a piccole esigenze di tecnologia (c’era ancora la pellicola), qualcosa che nel tempo è cambiato profondamente fino a creare un legame di collaborazione in molti ambiti per un evento che ha aperto le sue porte alle esperienze, agli spazi cittadini e ad un pubblico sempre più ampio. La società che ha consacrato tale legame è stata EVENTMORE, brand nato nel 2013 ma che racchiude in se le competenze e le professionalità dei pionieri degli eventi, Electronic Studio, Genazzi & Artioli e K-Sound allargando la squadra anche ad altri professionisti e responsabili di settore quali Kiko Berta, Mario Ricchetti e Stefano Artioli.

 

Oggi EVENTMORE è vicina al Locarno Festival, che spegne 70 candeline, come partner presente nei diversi ambiti della kermesse, dal D-Cinema alle strutture, dai servizi tecnici in Rotonda alle numerose apparecchiature che arricchiscono l’esperienza del Festival e dei suoi eventi. Un percorso di crescita condiviso, passo dopo passo, e di valori comuni come la ricerca della qualità, l’affezione al Territorio, la visione del futuro e la fiducia nei giovani. Poter festeggiare 30 anni di amicizia e di lavoro vissuto con grande passione insieme alle celebrazioni dei 70 anni del Festival, è motivo di orgoglio.

 

Dopo 30 anni, la storia di EVENTMORE continua, all’insegna dell’amicizia degli imprenditori che l’hanno creata spinti da obiettivi comuni, con un occhio sempre rivolto al futuro. I giovani, la formazione e quel pizzico di follia che solo i pionieri possono avere, sono elementi che si ritrovano quotidianamente nella sede di Castione. Buon compleanno al Locarno Festival per i suoi 70 anni e buon compleanno ad Electronic Studio e EVENTMORE per i 30 anni.

 

Per informazioni: www.eventmore.ch



Pubblicato il 30.07.2017 13:41

Guarda anche
Cronaca
Il giovane keniota che mercoledì scorso ha provocato il frontale con un camion nella galleria del San Gottardo era probabilmente un passatore. Il 22enne è morto in seguito all’incidente, come il camionista di 78 anni che stava trasportando verso il Ticino un carico di finestre
Cronaca
L'ipotesi di reato al vaglio degli inquirenti è di istigazione e aiuto al suicidio legata in particolare agli aspetti finanziari di questa attività. L'inchiesta è coordinata dal Procuratore pubblico Andrea Minesso
Cronaca
Le persone finite in carcere sono un 41enne e una 49enne, entrambi cittadini italiani residenti nel Luganese. L'inchiesta è coordinata dal Procuratore pubblico Moreno Capella
  • Le più lette