Cronaca
Un 2017 di "compleanni" importanti. Il Festival del Film di Locarno ne fa 70, Electronic Studio (oggi EVENTMORE) ne compie 30
Tutto è cominciato nel 1987 in Via Panigari numero 13 a Locarno, vialetto racchiuso tra edifici storici e profumo di lago. Due giovani che avevano appena terminato gli studi decidono di aprire un negozio di radio e tv.....
LOCARNO - Potrebbe essere la trama di un film, di quelli che scaldano il cuore e lasciano note positive nell’aria. Una storia che narra di amicizia e imprenditorialità ticinese.

 

Tutto nasce nel 1987 in Via Panigari numero 13 a Locarno, vialetto racchiuso tra edifici storici e profumo di lago. Due giovani che avevano appena terminato gli studi decidono di aprire un negozio di radio e tv. Il sogno di una vita, costruire qualcosa di proprio. Sono Fabio Grassi e Flavio Cappello. Non passa molto tempo che al gruppo si unisce Antonio Silvestro e da quel momento parte l’avventura che prende il nome di Electronic Studio. Un’avventura che dura da 30 anni grazie alla profonda amicizia che lega i tre imprenditori locali e che guarda con ottimismo e sperimentazione al futuro.

 

Ma torniamo alla nostra storia. Dopo il primo negozio, passo successivo dei tre fu l’apertura a Bellinzona di un secondo punto vendita. La naturale evoluzione del mercato portò in seguito la trasformazione della rivendita radio Hi-Fi, in una società specializzata nella fornitura di assistenza audio-video professionale. Ai tempi era considerato un business pioneristico in quanto il mercato della tecnica era saldamente ancorato alle proprie radici e il concetto di servizio ancora agli albori. Il primo grande progetto è stata la creazione dell’avveniristica discoteca Alcatraz nel 1990. Nel 2000 l’azienda aprì le porte all’ambito congressuale sperimentando nuove tecniche e nuove prestazioni come le traduzioni simultanee, le cabine regia e i meeting aziendali.

 

Passo dopo passo Electronic Studio si è avvicinata anche ai grandi eventi open air, in modo particolare al Festival del Film, oggi Locarno Festival. Ai tempi le richieste del Festival erano ristrette a piccole esigenze di tecnologia (c’era ancora la pellicola), qualcosa che nel tempo è cambiato profondamente fino a creare un legame di collaborazione in molti ambiti per un evento che ha aperto le sue porte alle esperienze, agli spazi cittadini e ad un pubblico sempre più ampio. La società che ha consacrato tale legame è stata EVENTMORE, brand nato nel 2013 ma che racchiude in se le competenze e le professionalità dei pionieri degli eventi, Electronic Studio, Genazzi & Artioli e K-Sound allargando la squadra anche ad altri professionisti e responsabili di settore quali Kiko Berta, Mario Ricchetti e Stefano Artioli.

 

Oggi EVENTMORE è vicina al Locarno Festival, che spegne 70 candeline, come partner presente nei diversi ambiti della kermesse, dal D-Cinema alle strutture, dai servizi tecnici in Rotonda alle numerose apparecchiature che arricchiscono l’esperienza del Festival e dei suoi eventi. Un percorso di crescita condiviso, passo dopo passo, e di valori comuni come la ricerca della qualità, l’affezione al Territorio, la visione del futuro e la fiducia nei giovani. Poter festeggiare 30 anni di amicizia e di lavoro vissuto con grande passione insieme alle celebrazioni dei 70 anni del Festival, è motivo di orgoglio.

 

Dopo 30 anni, la storia di EVENTMORE continua, all’insegna dell’amicizia degli imprenditori che l’hanno creata spinti da obiettivi comuni, con un occhio sempre rivolto al futuro. I giovani, la formazione e quel pizzico di follia che solo i pionieri possono avere, sono elementi che si ritrovano quotidianamente nella sede di Castione. Buon compleanno al Locarno Festival per i suoi 70 anni e buon compleanno ad Electronic Studio e EVENTMORE per i 30 anni.

 

Per informazioni: www.eventmore.ch



Pubblicato il 30.07.2017 13:41

Guarda anche
Cronaca
Nel filmato, girato domenica e postato online, si vede una rissa tra i calciatori. Il caso sul tavolo della Federazione. Il presidente Biancardi: "Abbiamo chiesto all'arbitro di redigere un rapporto su questo evento". GUARDA IL VIDEO
Cronaca
Scott Rosenberg rompe il muro di ipocrisia di Hollywood sullo scandalo sessuale. Ecco la traduzione integrale del suo post: "Per me, se il comportamento di Harvey è la cosa più disgustosa che uno possa immaginare, al secondo posto (di poco) c’è l’attuale ondata di condanne"
Cronaca
Scoppiettante intervista con l'esperta: "Le denunce dello scandalo vanno valutate caso per caso. Se non c'è coazione non si può parlare di stupro. Non penso che nessuno sia caduto dalle nuvole sentendo la storia di un produttore cinematografico che ha goduto di vantaggi sessuali da parte di alcune attrici che ha fatto lavorare”
Cronaca
Intanto la RSI ha contattato il Ministero pubblico, che "nega di aver già ricevuto il dossier preparato dal Cantone e smentisce che si riapra l’inchiesta sulla credibilità del testimone". La RSI ha pure contattato Morini: ci ha confermato di “ricevere 250 euro al mese d’invalidità” e che questa prestazione “era nota a tutti. Non pensavo dovesse dichiarare un simile importo”