Pane e vino
La Vineria dei Mir sbarca nella gastronomia, tra promozione dei prodotti del territorio e sensibilità sociale. Max Tettamanti: "Ecco come gestiremo l'Osteria Ideal di Coldrerio". Si apre il 1° settembre, ma intanto a Ferragosto c'è l'Agro Blues a Stabio
Max Tettamanti: "L’obiettivo è creare dei posti di lavoro e realizzare un progetto legato ai prodotti locali e poi, una volta che saremo partiti, dare opportunità occupazionali a persone bisognose, nel senso più ampio del termine, che verranno integrate nella gestione professionale del locale. Inoltre, gli eventuali utili verranno devoluti in beneficienza”
MENDRISIO – Il titolo potrebbe essere: “La Vineria dei Mir si espande”. Su mandato del Comune di Mendrisio, insieme alla Filarmonica guidata da Giovanni Jelmini e al Calcio Mendrisio capitanato da Alessandro Zanotta, l’associazione ha ripreso nei mesi scorsi l’organizzazione dell’ex Sagra dell’Uva, ora Sagra del Borgo.

In attesa del maxi evento settembrino, il 15 agosto la Vineria proporrà l’ormai tradizionale Agro Blues (siamo alla sesta edizione) nella splendida cornice della tenuta vitivincola Monticello di Stabio. Ma la vera svolta, la grande novità di quest’anno, è l’apertura dell’Osteria Ideal di Coldrerio, fissata per il 1° settembre.

“Era da un po’ di tempo che pensavamo di prendere in gestione un locale pubblico – racconta Massimo 'Max' Tettamanti, una delle anime della Vineria dei Mir -. L’occasione è arrivata quando l’ex gerente dell’Ideal ha lasciato l’Osteria”.

L’obiettivo, aggiunge, “è creare dei posti di lavoro e realizzare un progetto legato ai prodotti locali e poi, un domani, una volta che saremo partiti, dare opportunità occupazionali a persone bisognose, nel senso più ampio del termine, che verranno integrate nella gestione professionale del locale. Inoltre, gli eventuali utili verranno devoluti in beneficienza”.

Gli obiettivi ‘sociali’ sono riassunti sul nuovo sito internet dell’Ideal www.osteriaideal.ch: “Promuovere e sostenere l’integrazione di persone svantaggiate attraverso l’acquisizione di un ruolo sociale, favorendo il contatto tra abili e diversamente abili. Promuovere questi interventi di sensibilizzazione nei confronti del disagio psichico, attraverso la possibilità di conoscere concretamente delle persone con disturbi psichiatrici. Saranno incluse nel progetto anche altre attività di sostegno, per esempio a persone che hanno perso il diritto alle indennità di disoccupazione. Il progetto pone l’accento su un ritorno al lavoro e alla socialità!”.

L’Ideal non sarà una semplice osteria: la Vineria intende infatti proporre eventi legati ai prodotti locali, dai formaggi alle verdure, dai salumi ai vini, alle bibite: “Vogliamo promuovere non il ‘chilometro zero’, che non esiste ed è un concetto abusato, ma i prodotti locali”.

La cucina sarà affidata a Iari Beati, ex chef dell’Antica Osteria di Tremona, “e ci spiace – puntualizza Tettamanti - di non essere stati inseriti quest’anno nella Rassegna gastronomica del Mendrisiotto, proprio alla luce della pluriennale esperienza di Beati”.

L’Osteria Ideal entrerà sul mercato econogastronomico regionale rispettando le regole della concorrenza: “Contratti collettivi per tutti, e salari corretti anche per coloro che rientreranno nell’ambito sociale del progetto, e preferenza a collaboratori ticinesi o domiciliati. In ogni caso, abbiamo l’impressione di non essere visti come dei concorrenti dagli altri esercenti, ma come attori a pieno titolo della promozione della ristorazione locale”.

Le proposte gastronomiche, prosegue Tettamanti, saranno improntate alla tradizione ticinese, “con qualche variazione etnica, vista l’esperienza orientale dello chef. Ma ci sarà anche la pizza, fatta come si deve. Proporremo inoltre alcune serate di musica live con l’idea di lanciare i gruppi nostrani. Non mancheranno le rassegne stagionali a tema”.

Il locale, ristrutturato a suo tempo e ora riammodernato, conta una cinquantina di posti a sedere e dispone di un ampio posteggio comunale a una cinquantina di metri.

emmebi





Pubblicato il 04.08.2017 12:49

Guarda anche
Pane e vino
Tre serate all’insegna della birra e delle atomosfere bavaresi: da giovedì 19 a sabato 21 ottobre. E per il patron, Bruno D’Addazio, si tratta della FESTA tutta in maiuscolo. Insomma, uno degli eventi più belli, se non il più bello, del suo Lungolago
Pane e vino
Il presidente della Rassegna, Antonio Florini spiega che prodotti di quella marca vengono venduti anche in Ticino, ma non del tipo scelto dagli organizzatori. E che, comunque, i piattini in omaggio sono una goccia nel mare di una manifestazione che genera un indotto di 1 milione e mezzo di franchi. E che per il settore rappresenta una boccata d’ossigeno. Tutto giusto e tutto vero. Ma…
Pane e vino
Più che una rassegna gastronomica è un evento settimanale che da qualche tempo è entrato nell’agenda della ‘Fattoria’ e resterà in calendario ogni giovedì fino a dicembre. Lo chef, Fabrizio Fontana, propone tre variazioni, da declinare in menu o in singole portate
Pane e vino
Tra i relatori che si alterneranno al Palacongressi antropologi, scrittori, chef e nutrizionisti. Non solo incontri ma anche attività pratiche e assaggi animeranno la due giorni della manifestazione