Post Nucleare
Inaugurata la nuova linea ad alta tensione in alta tensione tra Acquarossa e Olivone. Un investimento di quasi 15 milioni di franchi sostenuto da AET assieme alla SES
L’opera è stata completata grazie alle sinergie attivate tra le due aziende e i comuni della valle, i quali vedranno risolversi definitivamente i problemi di continuità dell’approvvigionamento sul loro territorio
Nella foto, da sinistra: il Sindaco di Acquarossa Odis Barbara De Leoni, il Sindaco di Blenio Claudia Boschetti Straub, il Sindaco di Serravalle Luca Bianchetti, il Direttore di AET Roberto Pronini, i
ACQUAROSSA - direttori e i responsabili delle reti dell’Azienda Elettrica Ticinese (AET) e della Società Elettrica Sopracenerina SA (SES) hanno incontrato oggi i sindaci dei comuni della Valle di Blenio per inaugurare la nuova linea ad alta tensione 50kV tra Acquarossa ed Olivone.

 

La nuova linea 50kV di AET lunga ca.11 km, collega la sottostazione Swissgrid/Ofible/AET/SES di Olivone a quella AET/SES di Acquarossa. Il rifacimento della sottostazione di Olivone è stato completato nel 2012 in collaborazione con Ofible, mentre quella di Acquarossa è stata ampliata per l’occasione. L’opera permette di chiudere l’anello 220/50kV tra Biasca ed Olivone, creando una ridondanza che migliorerà notevolmente la sicurezza e la qualità della fornitura elettrica in tutta la valle. SES ha inoltre approfittato di questi lavori per realizzare la messa in cavo di diverse linee 16kV.

 

La realizzazione del nuovo collegamento ha richiesto un investimento di quasi 15 milioni di franchi, sostenuto da AET assieme alla SES, e conferma la volontà delle due aziende di realizzare un’infrastruttura di rete moderna, sicura ed efficiente anche nelle regioni periferiche.

 

L’opera è stata completata grazie alle sinergie attivate tra le due aziende e i comuni della valle, i quali vedranno risolversi definitivamente i problemi di continuità dell’approvvigionamento sul loro territorio.



Pubblicato il 10.08.2017 17:49

Guarda anche
Post Nucleare
La tassa sul CO2, a partire dal 01.01.2018, passerà da 84 a 96 franchi per tonnellata emessa, ciò che corrisponderà ad un aumento di 0.24 cts/kWh
Post Nucleare
"A livello federale - scrive l'azienda in una nota - si deve prendere atto che la Strategia energetica 2050 non riserva alcuna misura a sostegno del gas metano. A livello locale, in assenza di autorizzazione alla distribuzione da parte di singoli comuni, manca la continuità territoriale indispensabile per uno sviluppo progressivo della rete"
Post Nucleare
Le AIL SA assicureranno in questo modo la distribuzione di circa 15'650'000 kWh totali agli alberghi, ai quali verrà garantito un plusvalore ecologico del 100% proveniente da impianti idroelettrici. Gli hotel associati a Hotelleriesuisse contribuiranno ad aumentare la produzione energetica da fonti rinnovabili.
Post Nucleare
Con quasi 300 milioni di franchi di cifra d’affari, 361 dipendenti e oltre 112'000 clienti serviti, la società si è confermata un attore di primaria importanza nel panorama aziendale ticinese
  • Le più lette