Politica e Potere
Salario minimo: continua la battaglia tra PS e mondo economico. Il vicepresidente socialista Sirica sgancia il siluro: "Regazzi e Modenini, se 20 franchi vi sembrano troppi, andate voi a lavorare per quella cifra"
Nuova puntata della polemica innescata dalla sentenza del Tribunale Federale sul caso di Neuchâtel: "Da figlio e nipote di operai, da persona che col suo salario di 4’400 franchi lordi sa cosa significa vivere in Ticino e far fatica a chiudere le spese, dedico al milionario Regazzi e a Modenini queste parole"
© Ti-Press / Carlo Reguzzi
BELLINZONA - “Se 20 franchi vi sembrano troppi, andate voi a lavorare (per quella cifra), scoprirete la differenza, fra lavorare e comandare”. Prosegue la polemica tra socialisti e mondo dell’economia sul salario minimo, dopo la sentenza del Tribunale Federale sul caso di Neuchâtel.

 

Questa volta a sganciare il siluro, nella logica del botta e risposta, è il vicepresidente del PS e sindacalista di UNIA Fabrizio Sirica. I bersagli sono Fabio Regazzi e Stefano Modenini (“andate voi a lavorare”).

 

Voler consentire ai propri colleghi padroni di dare meno di 20 franchi all’ora - scrive Sirica - si chiama difendere la “libertà economica” o promuovere la “libertà di sfruttamento? Sono convinto del fatto che remunerare stipendi sotto i 3’750 franchi significa escludere i residenti dal mercato del lavoro, significa essere i primi responsabili dell’esplosione dell’assistenza, significa sfruttare lo stato di necessità dei lavoratori frontalieri e far crescere continuamente il loro numero”.

 

“Essere contro un salario minimo di 20 franchi all’ora - aggiunge ancora il giovane socialista - significa voler sfruttare, col fine di massimizzazione del profitto, il lavoro di altri esseri umani. La sentenza del Tribunale Federale parla chiaro, il salario deve consentire di vivere senza dover far capo agli aiuti dello Stato”.

 


“Da figlio e nipote di operai - conclude il giovane socialista - da persona che col suo salario di 4’400 franchi lordi sa cosa significa vivere in Ticino e far fatica a chiudere le spese, dedico al milionario Regazzi e a Modenini queste parole: “Se 20 franchi vi sembrano troppi, andate voi a lavorare (per quella cifra), scoprirete la differenza, fra lavorare e comandare”». Evidentemente adattando il canto popolare "Se otto ore vi sembrano poche".



Pubblicato il 11.08.2017 08:49

Guarda anche
Politica e Potere
Il direttore del DECS, rispondendo a un'interpellanza in Parlamento, è tornato sulla polemica scoppiata dopo la votazione sulla Civica: "Sono due gli insegnanti sotto inchiesta. Il Governo deciderà presto quali provvedimenti adottare"
Politica e Potere
Il direttore di Ticino Turismo: "Vogliamo aprirci o chiuderci all’altro? Vogliamo davvero che i visitatori aumentino? Se sì, siamo disposti ad accoglierli senza storcere il naso? Se riusciremo a riaffermare valori come l’identità turistica e la cultura dell’accoglienza, allora davvero avremo vinto la partita"
Politica e Potere
Due le tesi che si sono confrontate in Parlamento. Da una parte, i sostenitori della mozione del presidente del PPD (alla fine la spunteranno con 47 sì, 25 no e 3 astenuti), che chiedevano un giro di vite in nome della tranquillità degli altri fruitori della montagna e della protezione della fauna e della flora. Dall’altra i contrari, Lega, UDC, e Consiglio di Stato, che sostenevano come la problematica fosse talmente circoscritta da non rendere necessarie ulteriori misure, anche per non generare nuovi costi. La cronaca del dibattito
Politica e Potere
Il Parlamento, dopo averlo bocciato per anni, ha deciso di impedire ai suoi membri di sedere nei Consigli d'Amministrazione delle aziende di proprietà del Cantone. Decisivi per approvare la proposta i voti di PS, PPD, Verdi e La Destra. Contrarti il PLR e la maggioranza del gruppo della Lega. Risultato finale: 43 favorevoli, 35 contrari e 3 astenuti