Politica e Potere
Salario minimo: continua la battaglia tra PS e mondo economico. Il vicepresidente socialista Sirica sgancia il siluro: "Regazzi e Modenini, se 20 franchi vi sembrano troppi, andate voi a lavorare per quella cifra"
Nuova puntata della polemica innescata dalla sentenza del Tribunale Federale sul caso di Neuchâtel: "Da figlio e nipote di operai, da persona che col suo salario di 4’400 franchi lordi sa cosa significa vivere in Ticino e far fatica a chiudere le spese, dedico al milionario Regazzi e a Modenini queste parole"
© Ti-Press / Carlo Reguzzi
BELLINZONA - “Se 20 franchi vi sembrano troppi, andate voi a lavorare (per quella cifra), scoprirete la differenza, fra lavorare e comandare”. Prosegue la polemica tra socialisti e mondo dell’economia sul salario minimo, dopo la sentenza del Tribunale Federale sul caso di Neuchâtel.

 

Questa volta a sganciare il siluro, nella logica del botta e risposta, è il vicepresidente del PS e sindacalista di UNIA Fabrizio Sirica. I bersagli sono Fabio Regazzi e Stefano Modenini (“andate voi a lavorare”).

 

Voler consentire ai propri colleghi padroni di dare meno di 20 franchi all’ora - scrive Sirica - si chiama difendere la “libertà economica” o promuovere la “libertà di sfruttamento? Sono convinto del fatto che remunerare stipendi sotto i 3’750 franchi significa escludere i residenti dal mercato del lavoro, significa essere i primi responsabili dell’esplosione dell’assistenza, significa sfruttare lo stato di necessità dei lavoratori frontalieri e far crescere continuamente il loro numero”.

 

“Essere contro un salario minimo di 20 franchi all’ora - aggiunge ancora il giovane socialista - significa voler sfruttare, col fine di massimizzazione del profitto, il lavoro di altri esseri umani. La sentenza del Tribunale Federale parla chiaro, il salario deve consentire di vivere senza dover far capo agli aiuti dello Stato”.

 


“Da figlio e nipote di operai - conclude il giovane socialista - da persona che col suo salario di 4’400 franchi lordi sa cosa significa vivere in Ticino e far fatica a chiudere le spese, dedico al milionario Regazzi e a Modenini queste parole: “Se 20 franchi vi sembrano troppi, andate voi a lavorare (per quella cifra), scoprirete la differenza, fra lavorare e comandare”». Evidentemente adattando il canto popolare "Se otto ore vi sembrano poche".



Pubblicato il 11.08.2017 08:49

Guarda anche
Politica e Potere
L'avvocato di Mendrisio: "La visita alla pista addobbata è un pretesto per uscire di casa, per “socializzare”, come si dice oggi, in una piazza che finalmente vive. Sono anni che vanamente chiedo ai politici di estendere il periodo in cui questa pista allieta l’inverno. Le mie richieste sono sempre cadute nel vuoto vuoi invocando il riscaldamento globale terrestre, oppure sommerse dal nuovo mantra del “ghé pü da danee”
Politica e Potere
Sia il capogruppo Daniele Caverzasio che la stessa Minoretti, motivano la scelta di lasciare il Parlamento con l’impossibilità per l’ormai ex Gran Consigliera di conciliare l’attività professionale con quella parlamentare. Ma in realtà la goccia che ha fatto traboccare il vaso è stata un'altra....
Politica e Potere
Il Consigliere agli Stati sul collega vallesano finito sotto i riflettori dello scandalo: "È irritante l'immagine di un Parlamento infarcito di uomini incapaci a controllarsi dinnanzi alle colleghe, degni successori del Cavaliere nella sua villa di Arcore, oppure di Strauss-Kahn in qualche camera d’albergo. Non è così. A Palazzo federale non si entra in un ascensore solamente dopo essere riusciti ad evitare questo o quel collega compagno di viaggio..."
Politica e Potere
Dopo la presa di posizione favorevole alla riforma del Consigliere di Stato e di larga parte del Gruppo in Gran Consiglio, ecco quella contraria della direzione del partito: "Non mi interessano accordi, inciuci di palazzo nei quali tu mi dai questo ed io ti do quell’altro. Sui bisogni della popolazione e del Cantone non si mercanteggia"
  • Le più lette