Cronaca
Venezia: sarebbero svizzeri i turisti filmati a fare sesso ai piedi del Ponte di Rialto. E il video del loro amplesso è già diventato virale Video
In quest’estate veneziana, l’esibizione della coppia svizzera non è certo stata la prima. In Città sono stati diversi gli episodi di atti osceni in luogo pubblico. Senza dimenticare altri tipi di performance da parte di turisti maleducati: tipo quelli che si sono lanciati dal ponte di Calatrava. GUARDA IL VIDEO
VENEZIA - Sarebbero due cittadini svizzeri l’uomo e la donna beccati a fare sesso nel cuore di Venezia. Lo scrive il portale lanuovavenezia.it che ha ricostruito l’intera vicenda.

 

Era circa l’una di notte quando la coppia ha cominciato a fare sesso ai piedi del ponte di Rialto. Appoggiata al muro di palazzo Camerlenghi i due amanti hanno dato sfogo alle loro passioni, sotto gli occhi di passanti e turisti che li hanno ripresi e che hanno addirittura interagito con loro.

 

Il video, inutile dirlo, è diventato immediatamente virale. La polizia non ha fatto fatica ad identificarli e ora dovrà formalizzare l’accusa nei loro confronti.

 

In quest’estate veneziana, l’esibizione della coppia svizzera non è certo stata la prima. In Città sono stati diversi gli episodi di atti osceni in luogo pubblico. Senza dimenticare altri tipi di performance da parte di turisti maleducati: tipo quelli che si sono lanciati dal ponte di Calatrava.



Pubblicato il 11.08.2017 09:06

Guarda anche
Cronaca
Nel filmato, girato domenica e postato online, si vede una rissa tra i calciatori. Il caso sul tavolo della Federazione. Il presidente Biancardi: "Abbiamo chiesto all'arbitro di redigere un rapporto su questo evento". GUARDA IL VIDEO
Cronaca
Scott Rosenberg rompe il muro di ipocrisia di Hollywood sullo scandalo sessuale. Ecco la traduzione integrale del suo post: "Per me, se il comportamento di Harvey è la cosa più disgustosa che uno possa immaginare, al secondo posto (di poco) c’è l’attuale ondata di condanne"
Cronaca
Scoppiettante intervista con l'esperta: "Le denunce dello scandalo vanno valutate caso per caso. Se non c'è coazione non si può parlare di stupro. Non penso che nessuno sia caduto dalle nuvole sentendo la storia di un produttore cinematografico che ha goduto di vantaggi sessuali da parte di alcune attrici che ha fatto lavorare”
Cronaca
Intanto la RSI ha contattato il Ministero pubblico, che "nega di aver già ricevuto il dossier preparato dal Cantone e smentisce che si riapra l’inchiesta sulla credibilità del testimone". La RSI ha pure contattato Morini: ci ha confermato di “ricevere 250 euro al mese d’invalidità” e che questa prestazione “era nota a tutti. Non pensavo dovesse dichiarare un simile importo”