Cronaca
Venezia: sarebbero svizzeri i turisti filmati a fare sesso ai piedi del Ponte di Rialto. E il video del loro amplesso è già diventato virale Video
In quest’estate veneziana, l’esibizione della coppia svizzera non è certo stata la prima. In Città sono stati diversi gli episodi di atti osceni in luogo pubblico. Senza dimenticare altri tipi di performance da parte di turisti maleducati: tipo quelli che si sono lanciati dal ponte di Calatrava. GUARDA IL VIDEO
VENEZIA - Sarebbero due cittadini svizzeri l’uomo e la donna beccati a fare sesso nel cuore di Venezia. Lo scrive il portale lanuovavenezia.it che ha ricostruito l’intera vicenda.

 

Era circa l’una di notte quando la coppia ha cominciato a fare sesso ai piedi del ponte di Rialto. Appoggiata al muro di palazzo Camerlenghi i due amanti hanno dato sfogo alle loro passioni, sotto gli occhi di passanti e turisti che li hanno ripresi e che hanno addirittura interagito con loro.

 

Il video, inutile dirlo, è diventato immediatamente virale. La polizia non ha fatto fatica ad identificarli e ora dovrà formalizzare l’accusa nei loro confronti.

 

In quest’estate veneziana, l’esibizione della coppia svizzera non è certo stata la prima. In Città sono stati diversi gli episodi di atti osceni in luogo pubblico. Senza dimenticare altri tipi di performance da parte di turisti maleducati: tipo quelli che si sono lanciati dal ponte di Calatrava.



Pubblicato il 11.08.2017 09:06

Guarda anche
Cronaca
Il giovane keniota che mercoledì scorso ha provocato il frontale con un camion nella galleria del San Gottardo era probabilmente un passatore. Il 22enne è morto in seguito all’incidente, come il camionista di 78 anni che stava trasportando verso il Ticino un carico di finestre
Cronaca
L'ipotesi di reato al vaglio degli inquirenti è di istigazione e aiuto al suicidio legata in particolare agli aspetti finanziari di questa attività. L'inchiesta è coordinata dal Procuratore pubblico Andrea Minesso
Cronaca
Le persone finite in carcere sono un 41enne e una 49enne, entrambi cittadini italiani residenti nel Luganese. L'inchiesta è coordinata dal Procuratore pubblico Moreno Capella
  • Le più lette