Politica e Potere
Cartolina da Astana. Il Ticino firma un accordo di cooperazione con una regione del Kazakistan. Vitta e Lombardi in missione per sottoscrivere il patto
L’accordo – sottoscritto a margine della Giornata nazionale dedicata alla Svizzera nell’esposizione internazionale Expo 2017 – tocca diversi settori di comune interesse tra i quali l’economia, il commercio, la scienza, lo sviluppo di tecnologie innovative, il turismo, lo sport, l’educazione, la cultura, la sanità e il commercio
ASTANA - Il Consiglio di Stato – rappresentato dal Consigliere di Stato Christian Vitta – ha firmato oggi ad Astana, capitale della Repubblica del Kazakistan, un memorandum d’intesa con il Governo della Regione di Almaty, rappresentata dal Governatore Amandyk Batalov.

 

L’intento dell’accordo – sottoscritto anche in presenza del Ministro delle finanze del Kazakistan Bakhyt Sultanov, della Presidente della Confederazione svizzera Doris Leuthard e del Consigliere agli Stati Filippo Lombardi – è di stabilire una collaborazione a lungo termine tra i due territori, in diversi ambiti di interesse comune.

 

Dopo l’intesa sottoscritta nel 2016 con la Regione di Krasnodar (Russia), il Consiglio di Stato ha firmato oggi ad Astana un ulteriore memorandum d’intesa internazionale, stavolta per promuovere e favorire la collaborazione e lo scambio di competenze in diversi settori con la Regione di Almaty.

 

L’accordo – sottoscritto a margine della Giornata nazionale dedicata alla Svizzera nell’esposizione internazionale Expo 2017 – tocca diversi settori di comune interesse tra i quali l’economia, il commercio, la scienza, lo sviluppo di tecnologie innovative, il turismo, lo sport, l’educazione, la cultura, la sanità e il commercio.



Pubblicato il 11.08.2017 15:02

Guarda anche
Politica e Potere
Il direttore del DECS, rispondendo a un'interpellanza in Parlamento, è tornato sulla polemica scoppiata dopo la votazione sulla Civica: "Sono due gli insegnanti sotto inchiesta. Il Governo deciderà presto quali provvedimenti adottare"
Politica e Potere
Il direttore di Ticino Turismo: "Vogliamo aprirci o chiuderci all’altro? Vogliamo davvero che i visitatori aumentino? Se sì, siamo disposti ad accoglierli senza storcere il naso? Se riusciremo a riaffermare valori come l’identità turistica e la cultura dell’accoglienza, allora davvero avremo vinto la partita"
Politica e Potere
Due le tesi che si sono confrontate in Parlamento. Da una parte, i sostenitori della mozione del presidente del PPD (alla fine la spunteranno con 47 sì, 25 no e 3 astenuti), che chiedevano un giro di vite in nome della tranquillità degli altri fruitori della montagna e della protezione della fauna e della flora. Dall’altra i contrari, Lega, UDC, e Consiglio di Stato, che sostenevano come la problematica fosse talmente circoscritta da non rendere necessarie ulteriori misure, anche per non generare nuovi costi. La cronaca del dibattito
Politica e Potere
Il Parlamento, dopo averlo bocciato per anni, ha deciso di impedire ai suoi membri di sedere nei Consigli d'Amministrazione delle aziende di proprietà del Cantone. Decisivi per approvare la proposta i voti di PS, PPD, Verdi e La Destra. Contrarti il PLR e la maggioranza del gruppo della Lega. Risultato finale: 43 favorevoli, 35 contrari e 3 astenuti