Cronaca
Niente consumo di canapa light per gli agenti della polizia cantonale. Il Comando ha già introdotto il divieto lo scorso aprile: "Può creare inattitudine alla guida"
Inoltre, dato che alla vista e all'odore non è possibile distinguere la canapa con tenore di THC inferiore all'1% da quella stupefacente, viene ritenuto inopportuno l'associare un agente di polizia a un possibile consumo di cannabis
© Ti-Press / Samuel Golay
BELLINZONA - Niente canapa light per gli agenti della polizia cantonale. Lo precisa oggi in una nota il Comando spiegando che, sebbene non sia punibile per legge, il consumo di canapa con THC inferiore all'1% può lasciare delle tracce nell’organismo, tali da determinare una condizione di inattitudine alla guida ai sensi della Legge federale sulla circolazione stradale.

 

Inoltre, dato che alla vista e all'odore non è possibile distinguere la canapa con tenore di THC inferiore all'1% da quella stupefacente, viene ritenuto inopportuno l'associare un agente di polizia a un possibile consumo di cannabis.

 

Un divieto, sottolinea il Comando, anche richiamandosi al codice deontologico della polizia, che è già stato introdotto lo scorso aprile.



Pubblicato il 11.08.2017 15:24

Guarda anche
Cronaca
Coloro che si rifanno alla dottrina estrema del salafismo che vuole riportare l’islam ai primordi sono in continuo aumento nel paese, una crescita esponenziale considerato che nel 2011 erano 3.850, nel 2015 8.350 e nel 2017 10.000
Cronaca
Angioni traccia un quadro del rischio terrorismo in Europa dopo l'ultimo attentato a Barcellona. Il problema, spiega, non è l'Isis: "È la sua influenza ideologica che rischia di permanere anche qualora dovesse essere fisicamente eliminato. La sua eliminazione fisica non risolverà il problema, anche perché abbiamo imparato che queste organizzazioni e queste sigle cambiano ma il problema resta"
Cronaca
Oggi per lo storico capo della Scientifica è stato l'ultimo giorno di lavoro. Nasconde la nostalgia dietro una frase lapidaria: “Da oggi si cambia. Tutto qui…”. Niente lacrimucce, bando alla commozione... Ma siamo certi che oggi quei 37 anni gli sono passati davanti agli occhi come la pellicola di un film, con il loro carico di ricordi, di successi, di sconfitte, di immagini, di volti, di incontri…
Cronaca
Il caso è stato segnalato da un passeggero che si è accorto del problema questa mattina all'alba mentre aspettava il primo treno per Locarno