Cronaca
Lugano: due marocchini armati di coltello rapinano due donne in via Molinazzo (e tentano di rapinarne una terza sul lungolago). La polizia li acciuffa poco dopo
I due, di 39 e 36 anni, sono stati arrestati. Entrambi sono residenti in provincia di Bergamo. La polizia cerca testimoni nonché la vittima della tentata rapina
© Ti-Press / Gabriele Putzu
LUGANO - Il Ministero pubblico, la Polizia cantonale e la Polizia della città di Lugano comunicano che questa notte, poco prima delle 3.00, sono stati arrestati due cittadini marocchini di 39 e 36 anni residenti in provincia di Bergamo.

Questi ultimi sono i presunti autori di una rapina a danno di due donne, minacciate con un coltello, avvenuta poco dopo le 2.00 in via Molinazzo a Lugano nonché di una tentata rapina a danno di una donna in zona lungolago.

Nell'ambito del dispositivo di ricerca coordinato dalla Polizia cantonale, i due autori sono stati successivamente fermati in Riva Caccia da agenti della Polizia della città di Lugano, mentre si trovavano a bordo di una vettura di piccola cilindrata con targhe italiane. Dopo l'interrogatorio da parte di agenti della Polizia cantonale sono stati arrestati. L'ipotesi di reato nei loro confronti è di rapina.

L'inchiesta è coordinata dalla Procuratrice pubblica Margherita Lanzillo. Si invitano eventuali testimoni nonché la vittima della tentata rapina a contattare la Polizia cantonale allo 0848 25 55 55.

Pubblicato il 12.08.2017 09:53

Guarda anche
Cronaca
Il giovane keniota che mercoledì scorso ha provocato il frontale con un camion nella galleria del San Gottardo era probabilmente un passatore. Il 22enne è morto in seguito all’incidente, come il camionista di 78 anni che stava trasportando verso il Ticino un carico di finestre
Cronaca
L'ipotesi di reato al vaglio degli inquirenti è di istigazione e aiuto al suicidio legata in particolare agli aspetti finanziari di questa attività. L'inchiesta è coordinata dal Procuratore pubblico Andrea Minesso
Cronaca
Le persone finite in carcere sono un 41enne e una 49enne, entrambi cittadini italiani residenti nel Luganese. L'inchiesta è coordinata dal Procuratore pubblico Moreno Capella
  • Le più lette