Politica e Potere
Giuseppe Cotti: “Noi e Loro. Mi hanno insegnato che siamo tutti uguali. No. La realtà è che siamo diversi. Abbiamo bisogno di riappropriarci della nostra identità, delle nostre origini, della nostra cultura, della nostra religione. Lo dobbiamo a noi, ma soprattutto lo dobbiamo ai nostri figli"
SECONDO ME: "Le analisi e gli approfondimenti, per quanto siano importanti, aiutano a capire ma non a risolvere. È una guerra, che non conosce confini..."
foto: TiPress/Tatiana Scolari
di Giuseppe Cotti (da Facebook) *

“Noi e Loro. Mi hanno insegnato che siamo tutti individui, che siamo tutti uguali. No. La realtà è che siamo diversi. Le analisi e gli approfondimenti, per quanto siano importanti, aiutano a capire ma non a risolvere. È una guerra, che non conosce confini. Abbiamo un urgente bisogno di reagire. Abbiamo bisogno di riappropriarci della nostra identità, delle nostre origini, della nostra cultura, della nostra religione. Abbiamo urgente bisogno di mettere un freno al relativismo culturale. Lo dobbiamo a noi, ma soprattutto lo dobbiamo ai nostri figli.

* municipale di Locarno



Pubblicato il 18.08.2017 17:28

Guarda anche
Politica e Potere
L’aveva detto e l’ha fatto. Insieme ad alcuni amici di vita e di pedale, come Mauro Gianetti, Marco Vitali e Manuele Morelli, Rocco Cattaneo è partito questa mattina all’alba per Berna in sella alla sua bicicletta. Ritrovo al City di Monte Ceneri, e poi via come il vento, mangiando uno dopo l’altro quei 251 chilometri che separano Rivera dalla Capitale
Politica e Potere
Il vicepresidente del PPD: "In questo contesto sgradevole, con tutto questo vociare in una sola direzione, la gente si sente confusa e disorientata: non solo la base popolare democratica, ma tante altre migliaia di cittadini attente alla cosa pubblica. Lo si comprende ed è quindi giunto il momento che i popolari democratici facciano sentire la propria voce"
Politica e Potere
“Sono convinto - dichiara Rocco Cattaneo - che la bici sia il mezzo di trasporto del futuro e contribuirà sempre più a risolvere i problemi della mobilità nelle zone urbane. Così come già dimostrato in molte città del Nord Europa o nella Svizzera d’oltre Alpe. Andare in bici oltretutto è divertente e salutare: ti mette subito di buon umore"