Bar Sport
Il fair play è un'altra roba... Erik Westrum in versione ultrà prima del derby Lugano-Ambrì si produce in un 'Bianconero di m..." al megafono. E un tifoso avversario lo 'pettina' su Facebook, facendo il contropelo anche al vicesindaco Michele Bertini e al sindacalista Enrico Borelli Video
Il campione di hockey statunitense, che la sera dopo è stato tra i protagonisti dei festeggiamenti dell’80esimo dell’Ambrì, in occasione della prima di campionato alla Valascia, si è lasciato prendere un po’ troppo dal cuore…
AMBRÌ – Non è stato certamente un ‘picco’ di eleganza e di fair play quello di Erik Westrum, vecchia gloria dell’Ambrì, prima del derby con il Lugano alla Resega di venerdì scorso. Il campione di hockey statunitense, che la sera dopo è stato tra i protagonisti dei festeggiamenti dell’80esimo dell’Ambrì, in occasione della prima di campionato alla Valascia, si è lasciato prendere un po’ troppo dal cuore… Un video pubblicato su youtube lo ritrae in versione ‘ultrà’ che grida al megafono “bianconero pezzo di m…”. Ci sta essere tifosi, ci sta giocare a fare l’ultrà, ma insomma, un po’ di contegno in pubblico i campioni dovrebbero sempre conservarlo anche quando hanno appeso i pattini al chiodo.

La performance di Westrum non è piaciuta a molti tifosi avversari. E un supporter bianconero l’ha ‘pettinato’ su Facebook, facendo il contropelo anche al vicesindaco Michele Bertini, di fede biancoblu, e al sindacalista Enrico Borelli…
Ecco il suo post: “Per chi ama tanto i derby ecco un bell’esempio di una città (vero onorevole Bertini?) che permette il corteo (traffico bloccato, torce, petardi, insulti) e l’ex giocatore Westrum che dà il meglio in sportività. Con tanto di fugace apparizione del dirigente Unia Borelli (che chiede pure l’applauso). Vomito…”.




Pubblicato il 11.09.2017 17:48

Guarda anche
Bar Sport
Il responsabile dei direttori di gara ticinese denuncia e dettaglia la crisi del settore: "All’ultimo corso per arbitri se ne sono iscritti 19. Quelli che hanno concluso positivamente il programma non erano più di 7….Spesso ci troviamo a dovere accettare situazioni improponibili con la necessità di richiedere agli arbitri di dirigere 2 o 3 partite in un fine settimana"
Bar Sport
L'ANALISI - Ora è il tempo dei processi. Si faranno tanti discorsi, conditi da luccicanti buoni propositi da vendere all’opinione pubblica, ma alla fine cambierà poco o nulla. Per fare la rivoluzione servono i rivoluzionari o i soldi: l’Italia non ha né l'una e né l'altra cosa. Quel poco che si può fare però va fatto
Bar Sport
In merito a quanto pubblicato in data odierna sul settimanale Il Caffè e ripreso in seguito da altre testate giornalistiche, l’Hockey Club Lugano ha inviato oggi alcune precisazioni. Ecco la nota stampa.
Bar Sport
Andiamo controcorrente anche se in situazioni del genere - che nel calcio abbiamo visto migliaia di volte - è molto popolare schierarsi a favore dell’allenatore buono (e criticato), contro il presidente cattivo (che critica, facendo invasione di campo, nel sacro perimetro del ruolo del tecnico). IL VIDEO CON LE DICHIARAZIONI DI TAMI CONTRO RENZETTI