Cronaca
Paghe da fame tra i fornelli: coppia di esercenti di ristoranti etnici condannati alle Criminali ed espulsi dalla Svizzera. Il giudice Marco Villa: "Reati odiosi e rivoltanti"
Un 53enne del Bangladesh e una 34enne romena residenti a Bellinzona, in carcere da dicembre, sono stati condannati ieri dalla Corte delle Assise criminali per una serie di reati legati alla loro attività di esercenti
LUGANO – Il giudice Marco Villa li ha definiti "reati odiosi e rivoltanti". Un 53enne del Bangladesh e una 34enne romena residenti a Bellinzona, in carcere da dicembre, sono stati condannati ieri dalla Corte delle Assise criminali per  una serie di reati legati alla loro attività di esercenti.

Per un lungo periodo la coppia ha gestito ristoranti etnici a Bellinzona, Lugano e Chiasso pagando i dipendenti con salari da fame e sfruttando le loro difficoltà economiche. Un esempio: hanno versato 2'500 franchi per 505 ore di lavoro a una cameriera, contro gli 8'900 previsti dal contratto collettivo di lavoro.  Lei è stata condannata a trenta mesi di carcere, lui a 36, 10 da scontare e i rimanenti sospesi condizionalmente per tre anni.

I due, che dovranno risarcire una dozzina di dipendenti un importo di 120mila franchi, erano accusati di usura aggravata commessa per mestiere, incitamento all'entrata, alla partenza o al soggiorno illegale, indebito profitto e impiego di stranieri sprovvisti di permesso. La condanna prevede anche l’espulsione dalla Svizzera per sette anni.




Pubblicato il 13.09.2017 10:16

Guarda anche
Cronaca
Gli inquirenti: occorrerà pure stabilire l'influenza su quanto accaduto del consumo di bevande alcoliche. L'inchiesta è coordinata dal Procuratore pubblico Paolo Bordoli.
Cronaca
L'operazione è stata effettuata in collaborazione con la Polizia della città di Bellinzona, la Polizia della città di Locarno e la Polizia comunale Muralto-Minusio
Cronaca
Velocità eccessiva. È il verdetto deI perito nominato dal Ministero pubblico per ricostruire la dinamica del grave incidente avvenuto il 12 luglio a Caslano. L'investitore 28enne è accusato di lesioni colpose gravi e altri reati
Cronaca
Il tema di Matrix, ieri sera su Canale 5, era lo stupro e il coraggio o la paura di denunciarlo. E in studio c’era anche la giornalista ticinese Natascha Lusenti, 46 anni, autrice e conduttrice televisiva, che in passato ha lavorato al Giornale del Popolo. GUARDA IL VIDEO