Cronaca
Stupro Rimini, le dichiarazioni shock del padre di due dei violentatori del branco: "Sono ragazzini, tra due anni usciranno dal carcere, andranno a lavorare, si faranno delle famiglie e faranno figli”
Stanno scatenando il finimondo le parole del padre dei due marocchini minorenni finiti in prigione per la brutale aggressione ai danni di una coppia polacca: "I miei figli non avranno più certe compagnie, avranno capito quello che è successo e si comporteranno bene”
RIMINI - "Sono ragazzini, tra due anni usciranno dal carcere, andranno a lavorare, si faranno delle famiglie e faranno figli”. A parlare è il padre dei due marocchini minorenni - 17 e 15 anni - finiti in carcere per l’ormai nota vicenda dello stupro di Rimini.


Insieme a loro, dietro le sbarre, il resto del branco che ha aggredito con inaudita violenza (leggi articolo correlato) una coppia di turisti polacchi e un transessuale: il leader del gruppo, il 20enne congolese Guerlin Butungu, e un altro nigeriano di 16 anni.

 

Le dichiarazioni che l’uomo ha pronunciato davanti alle telecamere di Matrix (Canale 5), come prevedibile hanno scatenato il finimondo in Italia. Anche perché, il 50enne, sta scontando un anno di arresti domiciliari:"Ho preso un anno di carcere dopo 30 che sono in Italia”, si è giustificato il padre degli stupratori.

 

Tornando sulla vicenda di Rimini, l’uomo a proposito dei figli ha aggiunto: ”Mi dispiace per quella ragazza polacca e per il trans, è stata una cosa brutta, ma ormai è capita. I miei figli non avranno più certe compagnie, avranno capito quello che è successo e si comporteranno bene”

 

Cliccando qui potete vedere l’intervista completa concessa a Matrix



Pubblicato il 13.09.2017 12:21

Guarda anche
Cronaca
Gli inquirenti: occorrerà pure stabilire l'influenza su quanto accaduto del consumo di bevande alcoliche. L'inchiesta è coordinata dal Procuratore pubblico Paolo Bordoli.
Cronaca
L'operazione è stata effettuata in collaborazione con la Polizia della città di Bellinzona, la Polizia della città di Locarno e la Polizia comunale Muralto-Minusio
Cronaca
Velocità eccessiva. È il verdetto deI perito nominato dal Ministero pubblico per ricostruire la dinamica del grave incidente avvenuto il 12 luglio a Caslano. L'investitore 28enne è accusato di lesioni colpose gravi e altri reati
Cronaca
Il tema di Matrix, ieri sera su Canale 5, era lo stupro e il coraggio o la paura di denunciarlo. E in studio c’era anche la giornalista ticinese Natascha Lusenti, 46 anni, autrice e conduttrice televisiva, che in passato ha lavorato al Giornale del Popolo. GUARDA IL VIDEO