Bar Sport
Il giallo rosa di Mario Balotelli. Si chiama Clelia e vive in Svizzera la misteriosa ragazza col pancione. Il calciatore ha pubblicato la foto della giovane sul suo Instagram. Ma resta il mistero: sarà di nuovo padre?
Il calciatore aveva pubblicato alcuni giorni fa sul suo profilo la foto del pancione di una donna in gravidanza. "Loading", recitava la didascalia, che però non rivelava l'identità della futura mamma, e neppure se quel bimbo in arrivo sia figlio suo… Oggi la rivista ‘Chi’ ha svelato il nome della ragazza
LUGANO - Si chiama Clelia, ha 26 anni, lavora in banca e vive in un luogo imprecisato della Svizzera. Forse in Ticino? Chi lo sa. Sia come sia, Clelia è protagonista del giallo-rosa lanciato da Mario Balotelli, 27 anni, sul suo profilo Instagram. Un giallo che ruota attorno alla presunta paternità del calciatore. Il calciatore aveva pubblicato alcuni giorni fa sul suo profilo la foto del pancione di una donna in gravidanza. "Loading", recitava la didascalia, che però non rivelava l'identità della futura mamma, e neppure se quel bimbo in arrivo sia figlio suo… Oggi la rivista ‘Chi’ ha svelato il nome della ragazza.

Il magazine diretto da Alfonso Signorini racconta che Clelia è di origine svizzera e che è al settimo mese di attesa. Raggiunta telefonicamente dai giornalisti di ‘Chi’, però, la giovane non ha voluto rivelare se il bambino che porta in grembo è frutto dell'amore per l'attaccante del Nizza.

Se i sospetti della cronaca rosa trovassero conferme, per Balotelli si tratterebbe del secondo figlio dopo Pia, nata quattro anni fa dalla storia con la showgirl napoletana Raffaella Fico.


Pubblicato il 13.09.2017 13:43

Guarda anche
Bar Sport
Il responsabile dei direttori di gara ticinese denuncia e dettaglia la crisi del settore: "All’ultimo corso per arbitri se ne sono iscritti 19. Quelli che hanno concluso positivamente il programma non erano più di 7….Spesso ci troviamo a dovere accettare situazioni improponibili con la necessità di richiedere agli arbitri di dirigere 2 o 3 partite in un fine settimana"
Bar Sport
L'ANALISI - Ora è il tempo dei processi. Si faranno tanti discorsi, conditi da luccicanti buoni propositi da vendere all’opinione pubblica, ma alla fine cambierà poco o nulla. Per fare la rivoluzione servono i rivoluzionari o i soldi: l’Italia non ha né l'una e né l'altra cosa. Quel poco che si può fare però va fatto
Bar Sport
In merito a quanto pubblicato in data odierna sul settimanale Il Caffè e ripreso in seguito da altre testate giornalistiche, l’Hockey Club Lugano ha inviato oggi alcune precisazioni. Ecco la nota stampa.
Bar Sport
Andiamo controcorrente anche se in situazioni del genere - che nel calcio abbiamo visto migliaia di volte - è molto popolare schierarsi a favore dell’allenatore buono (e criticato), contro il presidente cattivo (che critica, facendo invasione di campo, nel sacro perimetro del ruolo del tecnico). IL VIDEO CON LE DICHIARAZIONI DI TAMI CONTRO RENZETTI