Cronaca
Giallo a Brione Sopra Minusio. Alcuni cittadini denunciano: conigli usati da cacciatori come esche per i cinghiali. L'associazione Angels4Animals rilancia la segnalazione, ma poi scrive: "Al guardiacaccia non risulta e dice che i cinghiali non sono attratti dai conigli"
Gli autori della segnalazione scrivono che “oggi sono state trovate due scatole, una vuota con un coniglio morto nelle vicinanze, una con un coniglio vivo ma terrorizzato”
BRIONE SOPRA MINUSIO – “Dei cacciatori stanno usando illegalmente dei conigli vivi, imprigionati dentro scatole di cartone, nei boschi in vicinanza di abitati, per attirare i cinghiali”. L’informazione arriva da alcuni abitanti di Brione sopra Minusio ed è stata ripresa dall’associazione animalista Angels4Animals, che l’ha condivisa sulla sua bacheca Facebook. Gli autori della segnalazione scrivono che “oggi sono state trovate due scatole, una vuota con un coniglio morto nelle vicinanze, una con un coniglio vivo ma terrorizzato”.

La domanda che sorge spontanea è: ‘fake new’, ipotesi fantasiosa o verità? Sia come sia, uno degli amministratori della pagina dell’associazione animalista ha fatto qualche verifica: “Ho contattato il guardiacaccia e a lui nessuna segnalazione è stata fatta. Pertanto non mettiamo in dubbio il ritrovamento dei conigli ma di sicuro non erano esche dei cacciatori. Il guardiacaccia dice che i cinghiali non sono attratti da conigli”.



Pubblicato il 13.09.2017 17:38

Guarda anche
Cronaca
Il 36enne che ora è accusato di omicidio volontario, subordinatamente colposo, e di tutte le possibili e immaginabili violazioni del codice stradale, era uscito da pochi giorni dalla clinica psichiatrica di Mendrisio. E nonostante questo aveva la patente. Che una settimana fa si è trasformata in una sorta di licenza di uccidere, per parafrasare un celebre film di James Bond
Cronaca
Intervista all'ex procuratore pubblico che riflette sulla morte del Capo dei Capi di Cosa Nostra, ricorda gli anni in cui da magistrato combatteva la mafia e ammonisce sul futuro: "Quando nel 2000 lo interrogai si limitò ad augurarci buona giornata. Riina si è sporcato le mani di sangue come quasi nessuno. Ma oggi combattere la criminalità organizzata è ancora più difficile"
Cronaca
Impossibile calcolare le vittime mietute da Totò Riina, dalla gioventù corleonese, all’arresto palermitano. Sia tra i mafiosi, sia tra gli uomini dello Stato, sia tra i civili
Cronaca
Sul posto, per i primi soccorsi, è intervenuto un equipaggio di Tre Valli Soccorso. Per permettere i rilievi da parte del servizio incidenti, l'autostrada è stata chiusa e il traffico deviato sulla cantonale da Varenzo a Faido. Il perturbamento si protrarrà ancora per diverse ore