Medici in prima linea
"Quel modello alternativo è rischioso per i pazienti: siamo preoccupati". Franco Denti apre un nuovo fronte contro le casse malati: nel mirino l'opzione della consulenza medica 24/24 (in cambio della riduzione del premio...)
Il presidente dell'Ordine dei medici: "È evidente che nel gioco delle parti, l’interesse delle casse malati sia quello di scoraggiare il più possibile il paziente a rivolgersi a un medico o a una struttura ospedaliera. Il problema è: a quale rischio? Davvero ci si vuole assumere la responsabilità di consigliere una persona sulla base di una telefonata? A mio avviso stiamo veramente giocando con il fuoco sulla pelle dei pazienti”
©Ti-Press / Samuel Golay
LUGANO - “Siamo preoccupati”. Franco Denti lo dice senza giri di parole. Il presidente dell’Ordine dei medici solleva grosse perplessità su un modello alternativo che si sta facendo strada nel vasto ventaglio di opzioni offerto dalle casse malati.

 

“Negli ultimi tempi - spiega Denti - abbiamo notato una pubblicità sempre più aggressiva da parte assicuratori malattia per promuovere questa opzione. Non c’è giorno che in tv, sui giornali o sui portali non vi sia un’inserzione che sponsorizzi questo modello”.

 

Parliamo dell’offerta che propone una consulenza medica 24 ore su 24, in cambio di una riduzione del premio. In pratica un assicurato che si sente poco bene, prima di decidere cosa fare, telefona alla propria cassa malati spiegando la sintomatologia. A quel punto gli verrà consigliato cosa fare.

 

“Ciò che ci preoccupa come medici - spiega Denti - è il fatto che gli assicuratori offrano questa sorta di diagnosi telefonica senza conoscere il paziente e la sua storia clinica. Questo rappresenta un grosso rischio. Non dimentichiamoci che si tratta di un modello che agisce sulla LaMal, quindi non stiamo parlando di prestazioni complementari ma di medicina di base”.

 

“Purtroppo - prosegue il presidente dell’Ordine dei medici - c’è sempre più gente che fa fatica a sbancare il lunario e di conseguenza una riduzione del premio attraverso un modello alternativo rappresenta un risparmio che può essere allettante”.

 

“È evidente - conclude Denti - che nel gioco delle parti, l’interesse delle casse malati sia quello di scoraggiare il più possibile il paziente a rivolgersi a un medico o a una struttura ospedaliera. Il problema è: a quale rischio? Davvero ci si vuole assumere la responsabilità di consigliere una persona sulla base di una telefonata? A mio avviso stiamo veramente giocando con il fuoco sulla pelle dei pazienti”.



Pubblicato il 18.09.2017 11:59

Guarda anche
Medici in prima linea
Una vertenza cominciata oltre quattro anni fa e conclusasi in questi giorni con una sentenza favorevole del Tribunale Federale. Denti: "È stata una battaglia lunga e stressante"
Medici in prima linea
Presa di posizione del Consiglio direttivo dell'OMCT: "Questa iniziativa delle cure mediche ospedaliere di prossimità permette altresì un miglior rapporto tra qualità delle cure e costi sanitari, conformemente a quanto richiede da sempre la LAMal: cure accessibili per tutti, di qualità e economicamente sostenibili"
Medici in prima linea
Il presidente dell'Ordine dei medici ci scrive: "Di medici specialisti formati in Svizzera ne abbiamo a sufficienza, anche ticinesi, se non ritornano è perché spesso manca una programmazione. Più facile trincerarsi dietro i " non abbiamo trovato nessuno all'altezza in Svizzera" che fare autocritica"
Medici in prima linea
Il presidente dell'Ordine dei medici: "Un esempio di poca razionalizzazione delle risorse è il plurimilionario investimento per la ristrutturazione dell’Ospedale Civico di Lugano, quando con qualche milione in più si poteva finalmente dar vita ad un ospedale di riferimento Cantonale"