Quarto Potere
Mentana riprende in diretta al TG La7 l'inviato a Barcellona: "Paolo Celata sta rimorchiando. Una scena veramente terribile..." Video
Ieri sera, durante il collegamento da Barcellona per commentare il voto indipendentista in Catalogna, il direttore del TG ha dovuto richiamare all'ordine il giornalista, impegnato a parlare con una donna
ROMA - Non è la prima volta che il direttore del Tg La7 Enrico Mentana scherza in diretta con il suo inviato Paolo Celata. Ieri sera, durante il collegamento da Barcellona per commentare il voto indipendentista in Catalogna, Mentana ha dovuto richiamare all'ordine il giornalista, impegnato a parlare con una donna. "Paolo Celata puoi dedicarti anche a noi? Paolo Celata sta rimorchiando. Una scena veramente terribile...", ha detto.

Pubblicato il 02.10.2017 09:25

Guarda anche
Quarto Potere
Intervista esclusiva al CEO del Gruppo del Corriere del Ticino che parla per la prima volta della votazione che mira ad abolire il canone: "Una rete tv pubblica fedele alla propria missione è un elemento prezioso per la democrazia. Noi megafono del centrodestra? Tutte invenzioni. Spero che Marchand non sia stato nominato troppo tardi. I derby di hockey "regalati" da UPC? Falso. E dai dipendenti della RSI reazione delirante...."
Quarto Potere
Il dibattito sulla No Billag, da un paio di mesi, è molto acceso sui social, sui siti e, in parte, anche sui giornali. Sulle radio e sulle televisioni che invece beneficiano dell’oggetto del contendere, il canone, non esiste. O per meglio dire esiste soltanto come noioso e doveroso oggetto di cronaca
Quarto Potere
Il presidente della CORSI ci scrive dopo la nostra recensione della serie tv della RSI che ha mandato su tutte le furie i cacciatori: "Ciò che mi è piaciuto del commento è la chiara e onesta distinzione fra la responsabilità autoriale e quella aziendale: un prodotto mal riuscito non deve portare alla condanna di tutta l'azienda!"
Quarto Potere
La scena che ha scatenato le ire degli appassionati dell’attività venatoria, è quella in cui un cacciatore prima fa la pipì, poi sorseggia della grappa e, infine, spara per errore a una ragazzina uccidendola. La provocazione è forte, e potrebbe anche essere interessante, ma è talmente costruita e raccontata male - sia prima che dopo la fucilata - da risultare un “bimbicidio” da caccia grottesco. Il problema, insomma, è la qualità del prodotto più che i suoi contenuti