Quarto Potere
"A me che ca...me ne frega!". La strepitosa imitazione di Vittorio Feltri ad opera di Maurizio Crozza. Il direttore di Libero: "Mi prendo la presa per il culo e rido"
Sta letteralmente spopolando la parodia in cui il comico genovese indossa i panni del giornalista. Una caricatura che fa il verso alle performance televisive del direttore di Libero. Così tra un “a me che ca…me ne frega”, un’invettiva razzista contro i migranti e le anticipazioni dei titoli del giornale, il Feltri versione Crozza buca lo schermo scatenando l’ilarità del pubblico. GUARDA I VIDEO
MILANO - È sicuramente l’ultimo personaggio della premiata scuderia Crozza che sta riscuotendo maggiore successo. Parliamo dell’imitazione che il comico genovese ha dedicato a Vittorio Feltri.

 

 

Sta letteralmente spopolando la parodia in cui Maurizio Crozza indossa i panni del direttore di Libero. Una caricatura che fa il verso alle performance televisive del giornalista. Così tra un “a me che ca…me ne frega”, un’invettiva razzista contro i migranti o contro la Boldrini, e le anticipazioni dei titoli del giornale, il Feltri versione Crozza buca lo schermo scatenando l’ilarità del pubblico.

 

 

E il diretto interesso come l’ha presa? Benissimo. “Mi becco la presa per il culo e rido anche io come probabilmente molti spettatori”, ha dichiarato Vittorio Feltri ai microfoni di Telelombardia. “Mia moglie invece si diverte di meno, perché teme che parlino male di me e che mi deridano. Le donne sono più sensibili. Io, invece, per usare un’espressione di Crozza, me ne sbatto il cazzo“.

 



Pubblicato il 06.10.2017 18:11

Guarda anche
Quarto Potere
Proseguono le prese di posizione sulla polemica tra il quotidiano di Muzzano e il settimanale di informazione della RSI: "Il CdT tenta di spostare l'attenzione dai fatti riguardanti “Argo 1” su questioni di scarsa rilevanza"
Quarto Potere
Il finanziere: " Se la persona alla testa del Dipartimento cultura alla televisione non soddisfa – come si sente dire – la soluzione non consiste nel raggruppare due dipartimenti per retrocedere praticamente la persona a vicecapo. Questo non è servizio pubblico, questa è cattiva gestione"
Quarto Potere
Il direttore del Corriere del Ticino ci va giù durissimo nella replica al settimanale di informazione della RSI: "Le informazioni incomplete e selettive rischiano di far perdere di vista i fatti. Così come quelle a tesi. O quelle che si limitano ad enfatizzare fatti noti con ricostruzioni cariche di emotività, a tratti romanzate..."
Quarto Potere
La redazione di Falò della RSI: "Visto che il tema degli articoli riguarda il nostro modo di lavorare ci saremmo almeno aspettati una telefonata, come avviene solitamente in questi casi almeno per verifica..."