Quarto Potere
"A me che ca...me ne frega!". La strepitosa imitazione di Vittorio Feltri ad opera di Maurizio Crozza. Il direttore di Libero: "Mi prendo la presa per il culo e rido"
Sta letteralmente spopolando la parodia in cui il comico genovese indossa i panni del giornalista. Una caricatura che fa il verso alle performance televisive del direttore di Libero. Così tra un “a me che ca…me ne frega”, un’invettiva razzista contro i migranti e le anticipazioni dei titoli del giornale, il Feltri versione Crozza buca lo schermo scatenando l’ilarità del pubblico. GUARDA I VIDEO
MILANO - È sicuramente l’ultimo personaggio della premiata scuderia Crozza che sta riscuotendo maggiore successo. Parliamo dell’imitazione che il comico genovese ha dedicato a Vittorio Feltri.

 

 

Sta letteralmente spopolando la parodia in cui Maurizio Crozza indossa i panni del direttore di Libero. Una caricatura che fa il verso alle performance televisive del giornalista. Così tra un “a me che ca…me ne frega”, un’invettiva razzista contro i migranti o contro la Boldrini, e le anticipazioni dei titoli del giornale, il Feltri versione Crozza buca lo schermo scatenando l’ilarità del pubblico.

 

 

E il diretto interesso come l’ha presa? Benissimo. “Mi becco la presa per il culo e rido anche io come probabilmente molti spettatori”, ha dichiarato Vittorio Feltri ai microfoni di Telelombardia. “Mia moglie invece si diverte di meno, perché teme che parlino male di me e che mi deridano. Le donne sono più sensibili. Io, invece, per usare un’espressione di Crozza, me ne sbatto il cazzo“.

 



Pubblicato il 06.10.2017 18:11

Guarda anche
Quarto Potere
Intervista esclusiva al CEO del Gruppo del Corriere del Ticino che parla per la prima volta della votazione che mira ad abolire il canone: "Una rete tv pubblica fedele alla propria missione è un elemento prezioso per la democrazia. Noi megafono del centrodestra? Tutte invenzioni. Spero che Marchand non sia stato nominato troppo tardi. I derby di hockey "regalati" da UPC? Falso. E dai dipendenti della RSI reazione delirante...."
Quarto Potere
Il dibattito sulla No Billag, da un paio di mesi, è molto acceso sui social, sui siti e, in parte, anche sui giornali. Sulle radio e sulle televisioni che invece beneficiano dell’oggetto del contendere, il canone, non esiste. O per meglio dire esiste soltanto come noioso e doveroso oggetto di cronaca
Quarto Potere
Il presidente della CORSI ci scrive dopo la nostra recensione della serie tv della RSI che ha mandato su tutte le furie i cacciatori: "Ciò che mi è piaciuto del commento è la chiara e onesta distinzione fra la responsabilità autoriale e quella aziendale: un prodotto mal riuscito non deve portare alla condanna di tutta l'azienda!"
Quarto Potere
La scena che ha scatenato le ire degli appassionati dell’attività venatoria, è quella in cui un cacciatore prima fa la pipì, poi sorseggia della grappa e, infine, spara per errore a una ragazzina uccidendola. La provocazione è forte, e potrebbe anche essere interessante, ma è talmente costruita e raccontata male - sia prima che dopo la fucilata - da risultare un “bimbicidio” da caccia grottesco. Il problema, insomma, è la qualità del prodotto più che i suoi contenuti