Bar Sport
Te lo do io il fair-play... Il gestaccio di Stephan Lichsteiner contro André Silva durante Portogallo-Svizzera. Il difensore della Juve pesta la mano all'attaccante del Milan dopo uno scontro di gioco Video
Dalle immagini sembra che il nazionale elvetico abbia volontariamente pestato la mano a Silva. Lichsteiner aveva già suscitato polemiche per una gomitata a Gomez in Atalanta-Juventus del 1 ottobre
LISBONA – Brutto. Davvero un brutto gesto quello di Stephan Lichsteiner nei confronti di André Silva durante la partita di ieri sera a Lisbona. Il difensore elvetico della Juventus si è reso autore di una palese scorrettezza nei confronti del centravanti del Milan durante il match della Svizzera contro il Portogallo per le qualificazioni mondiali finita 2 a 0 per i padroni di casa. Lichsteiner ha calpestato la mano di Silva dopo uno scontro di gioco e dalle immagini sembra averlo fatto volontariamente. Lichsteiner aveva già suscitato polemiche per una gomitata a Gomez in Atalanta-Juventus del 1 ottobre.



Pubblicato il 11.10.2017 09:55

Guarda anche
Bar Sport
Montella paga un inizio di stagione disastroso dopo un mercato che ha visto il club di via Aldo Rossi, guidato dalla nuova proprietà cinese, investire sul mercato oltre 200 milioni di Euro. In 14 partite, l’allenatore campano ha racimolato appena 20 punti: con 6 vittorie, 2 pareggi e ben 6 sconfitte (arrivate tutte con le prime squadre della classifica)
Bar Sport
La vicenda, da cronaca "green" più che "rosa", si sarebbe potuta probabilmente risolvere in modo meno formale, spiegando a voce il problema alle interessate. Perché è difficile pensare che, come auspica il finale della lettera, quel rimbrotto rimanga “senza strascichi”…
Bar Sport
Il responsabile dei direttori di gara ticinese denuncia e dettaglia la crisi del settore: "All’ultimo corso per arbitri se ne sono iscritti 19. Quelli che hanno concluso positivamente il programma non erano più di 7….Spesso ci troviamo a dovere accettare situazioni improponibili con la necessità di richiedere agli arbitri di dirigere 2 o 3 partite in un fine settimana"
Bar Sport
L'ANALISI - Ora è il tempo dei processi. Si faranno tanti discorsi, conditi da luccicanti buoni propositi da vendere all’opinione pubblica, ma alla fine cambierà poco o nulla. Per fare la rivoluzione servono i rivoluzionari o i soldi: l’Italia non ha né l'una e né l'altra cosa. Quel poco che si può fare però va fatto