Politica e Potere
Romano, messaggio alla RSI: "Adesso taccio ma presto parlerò e allora aprirò il libro…". Il deputato si sfoga su Facebook contro Comano. Ma sui motivi tace. Per ora...
Post al vetriolo ma criptico del Consigliere Nazionale PPD: " Chi è critico è subito bannato/preso a pesci in faccia/censurato?!? Eh no…servizio pubblico non significa "Siamo perfetti e facciamo tutto senza limiti”…"
© Ti-Press / Francesca Agosta
COMANO - “Per ora taccio ma presto parlerò e allora aprirò il libro…”. È questa l’unica dichiarazione che Marco Romano ci concede, quando lo contattiamo per chiedere chiarimenti su un suo sfogo apparso su Facebook contro la RSI.

 

Un posto molto duro in cui il Consigliere Nazionale del PPD attacca dritto per dritto Comano: “Mi spiegate perché non appena un politico si esprime criticamente verso la struttura e taluni contenuti della RSI e della SSR viene subito additato quale sostenitore dell’iniziativa “No-Billag”?!? A Comano tutto quanto viene prodotto (e come) è "una verità universale e indiscutibile”, un dogma? Pura “guerra di trincea” senza mettersi in discussione?!?”.

 

“Ripeto: - la chiosa del deputato - non voglio abolire il canone (forse ridurre) e combatto apertamente l’iniziativa. Chi è critico è subito bannato/preso a pesci in faccia/censurato?!? Eh no…servizio pubblico non significa "Siamo perfetti e facciamo tutto senza limiti”…”.

 

Parole polemiche e allusive che tuttavia il diretto interessato non vuole circoscrivere ed esplicitare. Almeno per il momento. Quel che è certo è che non è la prima volta che Romano mostra insofferenza verso la radiotelevisione pubblica. E il clima sempre più arroventato intorno all’iniziativa No Billag, non fa che inasprire lo scontro e i toni. Anche tra i politici e i dipendenti della RSI.



Pubblicato il 11.10.2017 17:51

Guarda anche
Politica e Potere
La GISO: "È giunto il momento di rinnovare il partito, a livello generazionale, ma soprattutto sul piano delle idee. Il PS si è pronunciato e dovrà ricordare la presa di posizione di questa Conferenza Cantonale durante le discussioni sulle liste per le prossime elezioni cantonali: da chi vogliamo essere rappresentati nelle istituzioni?"
Politica e Potere
La posizione del presidente Righini e dei giovani ha ottenuto la netta maggioranza dei delegati riniti a Camorino. Ben 95 i voti favorevoli, contro i soli 39 raccolti dalla “mozione Bertoli” che chiedeva di non schierare il partito in prima linea nella raccolta firme
Politica e Potere
Durissimo attacco dell'ex coordinatore della gioventù socialista Aramis Gianini al ministro Bertoli e alla parte del gruppo parlamentare che appoggia la riforma fiscosociale: "Nel mio quartiere, dove nessuno è Dottore in scienze politiche, ma a conti fatti nessuno è fesso, si ripete il mantra per cui quelli lì, i trafficoni della politichetta, fanno sempre quello che vogliono. E anche se non è vero per tutti, lo è per molti"
Politica e Potere
L'avvocato di Mendrisio: "La visita alla pista addobbata è un pretesto per uscire di casa, per “socializzare”, come si dice oggi, in una piazza che finalmente vive. Sono anni che vanamente chiedo ai politici di estendere il periodo in cui questa pista allieta l’inverno. Le mie richieste sono sempre cadute nel vuoto vuoi invocando il riscaldamento globale terrestre, oppure sommerse dal nuovo mantra del “ghé pü da danee”