Politica e Potere
Romano, messaggio alla RSI: "Adesso taccio ma presto parlerò e allora aprirò il libro…". Il deputato si sfoga su Facebook contro Comano. Ma sui motivi tace. Per ora...
Post al vetriolo ma criptico del Consigliere Nazionale PPD: " Chi è critico è subito bannato/preso a pesci in faccia/censurato?!? Eh no…servizio pubblico non significa "Siamo perfetti e facciamo tutto senza limiti”…"
© Ti-Press / Francesca Agosta
COMANO - “Per ora taccio ma presto parlerò e allora aprirò il libro…”. È questa l’unica dichiarazione che Marco Romano ci concede, quando lo contattiamo per chiedere chiarimenti su un suo sfogo apparso su Facebook contro la RSI.

 

Un posto molto duro in cui il Consigliere Nazionale del PPD attacca dritto per dritto Comano: “Mi spiegate perché non appena un politico si esprime criticamente verso la struttura e taluni contenuti della RSI e della SSR viene subito additato quale sostenitore dell’iniziativa “No-Billag”?!? A Comano tutto quanto viene prodotto (e come) è "una verità universale e indiscutibile”, un dogma? Pura “guerra di trincea” senza mettersi in discussione?!?”.

 

“Ripeto: - la chiosa del deputato - non voglio abolire il canone (forse ridurre) e combatto apertamente l’iniziativa. Chi è critico è subito bannato/preso a pesci in faccia/censurato?!? Eh no…servizio pubblico non significa "Siamo perfetti e facciamo tutto senza limiti”…”.

 

Parole polemiche e allusive che tuttavia il diretto interessato non vuole circoscrivere ed esplicitare. Almeno per il momento. Quel che è certo è che non è la prima volta che Romano mostra insofferenza verso la radiotelevisione pubblica. E il clima sempre più arroventato intorno all’iniziativa No Billag, non fa che inasprire lo scontro e i toni. Anche tra i politici e i dipendenti della RSI.



Pubblicato il 11.10.2017 17:51

Guarda anche
Politica e Potere
Il vicepresidente del PPD, ospitato dalla Regione, affronta tutte le spine dello scandalo: "Come mai al momento è stata messa sotto inchiesta amministrativa solo la compagna di Dadò? Il cittadino comprenderà certamente che è il legame sentimentale tra lei e il presidente del Ppd l’ingrediente più succulento per fomentare artificiosamente lo scandalo politico"
Politica e Potere
L'ANALISI - Sul fronte mediatico, infine, prevale la linea fin qui portata avanti, seppur con accenti e modalità diverse, dalla Regione e dalla RSI. Con fiuto e bravura sono riusciti a dettare l’agenda alla politica. E se questo, per la politica, non è un complimento, lo è senza dubbio per quei giornalisti che attraverso il loro lavoro hanno saputo incidere sulle decisioni di Governo e Parlamento.
Politica e Potere
Della ricerca della verità, nuda e cruda, non importa più una beata mazza a nessuno. Perché una verità è già stata stabilita dalla folla con la bava alla bocca. Siamo nel giustizialismo più feroce e più irrazionale. Quindi, il più pericoloso
Politica e Potere
Il presidente dell'UDC ci scrive: "L'iniziativa Contro i giudici stranieri lanciata dall'UDC, dove prevale il diritto svizzero su quello internazionale, non piace all'UE. Dove sarebbe la novità?"