Crisi e Lavoro
Povertà, Dadò raccoglie l'allarme di Soccorso svizzero d'inverno e lancia un appello alla politica: "È desolante constatare come, pur di tirare l'acqua al proprio mulino, anche nel prosperoso Ticino ci si perde in beghe, accuse e quisquilie, mentre là fuori sempre più persone soffrono”
"Il suo presidente Edo Bobbià, che secondo quanto pensa la sinistra non appartiene all'emisfero politico che detiene il primato dell'anima sociale, si esprime dicendo: "non pensavo che la situazione in Ticino fosse ancora così critica". Malgrado gli aiuti (statali e di associazioni private) "ci sono molte famiglie in difficoltà di cui non si sa quasi niente".
foto: TiPress/Pablo Gianinazzi
LUGANO - “Non pensavo che la situazione in Ticino fosse ancora così critica. C’è lo Stato, ci siamo noi, ci sono altre associazioni benefiche e malgrado ciò ci sono molte famiglie in difficoltà di cui non si sa quasi niente”.

Parole dell’ex deputato Edo Bobbià, neo presidente di ‘Soccorso svizzero d’inverno Tixcino’, pubblicate oggi dal quotidiano 20Minuti, che ha dedicato un servizio alla povertà. Con il titolo: “Anche il riscaldamento è un lusso”.

La direttrice dell’associazione che sostiene le famiglie e le persone disagiate, Manuela Nünlist, ha confermato che “nella ricca Svizzera la povertà cresce”. L’anno scorso sono state aiutate un migliaio di persone, con circa 350'000 franchi distribuiti, per lo più a individui che vivono soli, in prevalenza donne. Spesso si tratta di famiglie monoparentali…

“Questo è il nuovo grido d'allarme di Soccorso svizzero d'inverno – ha commentato su Facebook il presidente del PPD, Fiorenzo Dadò -. Il suo presidente Edo Bobbià, che secondo quanto pensa la sinistra non appartiene all'emisfero politico che detiene il primato dell'anima sociale, si esprime dicendo: "non pensavo che la situazione in Ticino fosse ancora così critica". Malgrado gli aiuti (statali e di associazioni private) "ci sono molte famiglie in difficoltà di cui non si sa quasi niente".
La politica stenta a trovare delle soluzioni incisive, fa persino fatica a sedersi ad un tavolo e a collaborare concretamente. Si continua a marciare sul posto, a mettere freni e bastoni tra le ruote, ognuno con le sue ricette, ognuno con i suoi dogmi, ognuno facendo credere che le proprie proposte sono le uniche serie e decisive, che possono risolvere questa situazione.
È desolante constatare come, pur di tirare l'acqua al proprio mulino, anche nel prosperoso Ticino ci si perde in beghe, accuse e quisquilie, mentre là fuori sempre più persone soffrono, stentano e hanno perso quel minimo di tranquillità e sicurezza che ognuno di noi ha il diritto di avere”.




Pubblicato il 13.10.2017 18:21

Guarda anche
Crisi e Lavoro
Il DFE ricorda le principali disposizioni della Legge federale sul lavoro e della relativa Ordinanza al cui rigoroso rispetto vengono richiamate le parti interessate
Crisi e Lavoro
Gregor Zebic: “Se stai utilizzando per vendere i tuoi prodotti piattaforme come Amazon, Ebay, Booking, Rakuten o altre similari, devi considerare una cosa semplicissima: tu non sei il proprietario dei dati aggregati provenienti dai tuoi clienti, o in altre parole non sei il proprietario del futuro della tua attività"
Crisi e Lavoro
Il sindacato torna sul tema che ha tenuto banco in queste settimane. E minaccia una nuova iniziativa popolare se non verrà adottato un salario minimo di almeno 21 franchi…
Crisi e Lavoro
La vicepresidente del PLR: "Occorre lavorare per mantenere il potere d’acquisto generato, anche con l’introduzione di salari minimi, mettendo davvero i lavoratori su un piano di eguaglianza e riducendo la distorsione del potere d’acquisto determinato dai differenti costi della vita al di là e al di qua della frontiera"