Cronaca
Che brutta storia! Un taxista ticinese insultato come un cane da colleghi italiani a Linate mentre aspetta un cliente fuori dall'aeroporto: "Non puoi caricare qui! Vai fuori dai co... Via, veloce! Tornatene in Svizzera!" Video
Alla fine, che male faceva quel taxista, che aspettava un cliente su prenotazione? Quando in Ticino è pieno di taxisti italiani che fanno servizio in quella zona grigia denominata NCC, che sta per “noleggio con conducente”… Ma scene del genere, soprattutto a Linate, pare siano all'ordine del giorno
MILANO – Insulti, insulti pesanti, davvero una brutta scena quella che è accaduta ieri sera all’aeroporto milanese di Linate. E che è stata filmata da un lettore che l’ha inviata a liberatv.

Un taxista ticinese si ferma sulla corsia destinata al carico, davanti alle porte degli arrivi, in attesa di caricare un suo cliente. A quel punto gli si fanno incontro alcuni colleghi italiani che iniziano a insultarlo: “Non puoi caricare qua, tornatene in Svizzera, via, vattene, fuori dai co… Vai fuori dai co… via, vai via! Fuori dai co… Via, veloce, vai via, vattene via! Se io vado in Svizzera a prendere i miei clienti mi fanno un c… così!”.

Magari il taxista non avrebbe dovuto fermarsi in quel punto, va bene, ma la scena è sgradevole, carica di rabbia, e si conclude con qualche spintone, senza fortunatamente sfociare in atti di violenza. E poi, alla fine, che male faceva quel taxista, che aspettava un cliente su prenotazione? Quando in Ticino è pieno di taxisti italiani che fanno servizio in quella zona grigia denominata NCC, che sta per “noleggio con conducente”… Ma scene del genere, soprattutto a Linate, pare siano all'ordine del giorno. In più, il taxista in questione dispone anche dell'autorizzazione per trasportare clienti in Italia.

Chiaro: la concorrenza gioca brutti scherzi ed esaspera gli animi…

emmebi


Pubblicato il 27.10.2017 11:08

Guarda anche
Cronaca
Il 36enne che ora è accusato di omicidio volontario, subordinatamente colposo, e di tutte le possibili e immaginabili violazioni del codice stradale, era uscito da pochi giorni dalla clinica psichiatrica di Mendrisio. E nonostante questo aveva la patente. Che una settimana fa si è trasformata in una sorta di licenza di uccidere, per parafrasare un celebre film di James Bond
Cronaca
Intervista all'ex procuratore pubblico che riflette sulla morte del Capo dei Capi di Cosa Nostra, ricorda gli anni in cui da magistrato combatteva la mafia e ammonisce sul futuro: "Quando nel 2000 lo interrogai si limitò ad augurarci buona giornata. Riina si è sporcato le mani di sangue come quasi nessuno. Ma oggi combattere la criminalità organizzata è ancora più difficile"
Cronaca
Impossibile calcolare le vittime mietute da Totò Riina, dalla gioventù corleonese, all’arresto palermitano. Sia tra i mafiosi, sia tra gli uomini dello Stato, sia tra i civili
Cronaca
Sul posto, per i primi soccorsi, è intervenuto un equipaggio di Tre Valli Soccorso. Per permettere i rilievi da parte del servizio incidenti, l'autostrada è stata chiusa e il traffico deviato sulla cantonale da Varenzo a Faido. Il perturbamento si protrarrà ancora per diverse ore