Mixer
Michelle Hunziker rivela la sua storia segreta: "Sono finita in preda a una setta... Avevo 23 anni e tutto iniziò con la perdita di capelli. Poi arrivò Cleila... È un'epoca infestata da life-coach: solo a sentire la parola mi viene da schiaffeggiarli, il maestro di te stesso sei solo tu”
La show girl ticinese: "Mi diceva di stare alla larga da chi aveva dentro di sé ‘Finzione’, che è l' energia negativa. Guardacaso, secondo lei, ne ero circondata: la colf, l'autista... Una sera avevo programmato di andare a teatro con una decina di amici: lei mi telefonò per dirmi di annullare. Sarebbe stato negativo per la mia energia. E io annullai”
MILANO – L’intervista di Michelle Hunziker al Corriere della Sera inizia così: “È la prima volta che racconto questa storia. Finora ho nascosto tutto persino a mia madre, l'unico con cui ne ho parlato è stato mio marito Tomaso. Quando ci siamo conosciuti abbiamo condiviso tutto: lui i suoi lutti e io la mia esperienza dei cinque anni in una setta. Una volta uscita da lì è stato un continuo tentativo di ricostruire la mia vita. Non è stato facile accettare che fosse successo proprio a me: ho sofferto di attacchi di panico e per anni ho creduto che sarei morta di lì a poco, per soffocamento, come aveva previsto la setta”.

La show girl ticinese ha raccontato questa sua storia segreta in un libro per un solo motivo: mettere in guardia quelli che rischiano di cadere nella rete di un guru.

“È un'epoca infestata da life-coach: solo a sentire la parola mi viene da schiaffeggiarli, il maestro di te stesso sei solo tu”.

Michelle ha 23 anni, un compagno e una bambina di 3 anni, nata a Sorengo, Aurora: “Ero la compagna di Eros, la mamma di Auri: ero felice. Ma al mattino quando aprivo gli occhi controllavo lo stato del cuscino, per scoprire che era diventato biondo”. Dopo varie cure ha deciso di provare con la pranoterapia. Ed è finita nella rete di Clelia…

“Cominciarono a spuntarmi teneri e biondissimi capelli nuovi... Mi sentivo miracolata”. Ma il vero miracolo è un altro: durante le sedute si confida con Clelia. Dietro a quella vita apparentemente perfetta c'è una ferita: il rapporto spezzato con il padre alcolizzato.

Quelle sofferenze a un certo punto diventano gomitoli di capelli. Clelia ha capito subito che il problema era un altro. “Vai a casa di tuo padre, suona il campanello e abbraccialo”, le suggerisce.

“Mi ha fregato così, restituendomi l' amore di mio papà. Avrebbe potuto dirmelo uno psicologo, ahimè mi sono imbattuta in lei. Grazie a quel consiglio ho potuto riavere mio padre, fargli fare il nonno. Poi è morto, e io sono rimasta di nuovo sola. Ma stavolta con me c' era lei”.

Michelle la chiama ‘la tempesta perfetta’: c'erano tutti gli ingredienti perché accadesse. “Eravamo giovani e non avevamo la gente giusta accanto. Clelia conquistava chiunque le capitasse a tiro. Ti catturava per la bellezza e la purezza, emanata da abiti candidi e raffinati, dalla pelle idratata da oli essenziali. Era sempre profumata, con un sorriso pazzesco e un velo di abbronzatura. La sua delicatezza e l'ossessione per l'accudimento la rendevano materna: era un fiore pericolosissimo”.

La pulizia permea tutto il progetto: per conquistare il mondo bisognava mantenersi puri, non solo curando in modo maniacale l'igiene personale e l'alimentazione, ma praticando astinenza sessuale e stando alla larga da chi aveva dentro di sé ‘Finzione’, che è l' energia negativa, bassa e sporca.

“Guardacaso, secondo lei, ne ero circondata: la colf, l'autista... Una sera d'autunno avevo programmato di andare a teatro con una decina di amici: lei mi telefonò per dirmi di annullare. Sarebbe stato negativo per la mia energia. E io annullai”.

Poi iniziano le cene del venerdì seguite da riunioni in cui vengono «canalizzate» le energie di defunti o di spiriti elevati.

“Le canalizzazioni ci permettevano di sentirci protetti: forze superiori si scomodavano per indicarci la strada da seguire”.

La strategia della setta segue un percorso: prima si allontana l'adepto dagli affetti. Poi si rende dipendente. “La setta filtrava le chiamate: mia mamma veniva sempre respinta. Mi ha confidato di aver mandato un suo socio, ateo, a fare terapia da Clelia per ottenere informazioni su di me. Anche lui, dopo una sola seduta, era stato reclutato”.

Mentre il matrimonio si sgretolava, la carriera decollava. “Ovviamente il merito non era mio, ma delle energie che si erano sbloccate: Guarda, amore, cosa stai ottenendo grazie al lavoro sulla tua anima!".

Tutti i giorni le viene ricordato che il successo è merito del percorso intrapreso. “Non avevo vere capacità: ero la pedina di un disegno superiore per diffondere il bene. Io che non avevo mai avuto un ruolo, adesso ero una "guerriera della luce" che portava il messaggio di Dio. Ma dovevo espiare i peccati commessi”.

I castighi arrivano puntuali a Natale, quando Aurora era in vacanza con il papà e Clelia le spiegava che doveva riflettere per conto suo. “Chiamavo festosa Aurora fingendo di avere gente a cena, per poi passare da sola il resto della sera in silenzio, davanti all'albero”

Michelle lascia la setta nel 2006. “Ho chiamato subito mia madre e i miei amici, chiedendogli solo una cosa: non fatemi il processo”.

“Ero la gallina dalle uova d'oro, ma sono stata derubata soprattutto della dignità. Nella setta c'erano direttori di giornali, conduttrici tivù, autori, magistrati, poi allontanati: io ero sufficiente al progetto. Uscita dalla setta ho trovato una guida spirituale, frate Elia, che mi ha permesso di incontrare padre Amorth: mi ha rassicurata e poi mi ha benedetto. Ho ripreso a mangiare carne solo in attesa di Sole. Prima sentivo odore di cadavere. Oggi non ho rancori, ho scoperto la fragilità della setta, tutto il progetto che si è dissolto sotto ai miei occhi. Il mio libro non punta il dito contro nessuno. I ragazzi dell' età di Aurora si fanno domande, cercano i valori. Vorrei solo dire di credere negli affetti veri e non nei "maestri". Se è capitato a me non deve per forza capitare a tutti”.




Pubblicato il 30.10.2017 18:24

Guarda anche
Mixer
I sogni di un ragazzo che ama danzare... "Finiti i tre anni di accademia a Milano son partito per gli Stati Uniti, dove ho iniziato a seguire le lezioni tenute dai migliori ballerini hip hop del mondo, ho conosciuto un mondo nuovo che mi ha da subito affascinato"
Mixer
I vampiri sono veramente fra noi, e bevono sangue, come nei film e nelle leggende. Come nelle storie del conte Dracula o di Nosferatu. Ma qui non siamo in Romania, dove visse nel Quattrocento il nobiluomo sanguinario Vlad III “l’Impalatore”. Qui siamo a Meldola, in Romagna
Mixer
La showgirl italiana si è lanciata in una confessione a tutto campo sulla sua vita: " Il sesso ora è l'ultimo dei miei pensieri, mi ha troppo spesso deviato le scelte. Molto spesso ho scelto degli uomini in base all'attrazione sessuale. Gli uomini dovrebbero provare il gusto dell'impotenza senza frustrazione"
Mixer
La cantante, con la complicità delle Iene, si è presentata faccia a faccia con uno degli hater, Giancarlo, che per mesi l’ha maltrattata sui social. La cantante si è seduta al tavolo di un locale, dove l’uomo era in compagnia della fidanzata...GUARDA IL VIDEO