Bar Sport
L'Hockey Club Lugano: "È vero, sono emerse discordanze sul numero di biglietti e abbonamenti venduti. E il Club si è separato da un collaboratore. Ecco come stanno finora le cose"
In merito a quanto pubblicato in data odierna sul settimanale Il Caffè e ripreso in seguito da altre testate giornalistiche, l’Hockey Club Lugano ha inviato oggi alcune precisazioni. Ecco la nota stampa.
foto: TiPress/Gabriele Putzu
In merito a quanto pubblicato in data odierna sul settimanale Il Caffè e ripreso in seguito da altre testate giornalistiche, l’Hockey Club Lugano ha inviato oggi alcune precisazioni. Ecco la nota stampa.

"Sono recentemente emerse discordanze nell’ambito delle usuali analisi effettuate dal club sul numero di biglietti e abbonamenti venduti. La società ha pertanto logicamente avviato le necessarie verifiche per individuare l’origine e la causa di tali discrepanze. I primi riscontri hanno portato il club a separarsi da un proprio collaboratore in ragione delle divergenze sulle modalità operative poste in essere da quest’ultimo mentre hanno confermato la bontà dell’attività svolta da tutti gli altri collaboratori. Soltanto al termine delle verifiche in corso il club potrà, se del caso, intraprendere ulteriori passi a tutela dei suoi interessi e di tutta la famiglia bianconera.

Contrariamente a quanto riportato nell’articolo odierno de il Caffè, nessun’altra modifica nell’organico aziendale è pertanto riconducibile alle verifiche in corso. In particolare non corrisponde al vero che il club abbia “invitato” un dipendente a interrompere il rapporto di lavoro.

Sulla fattispecie l’Hockey Club Lugano non rilascerà ulteriori dichiarazioni sino a quando non saranno terminate le predette verifiche".

Pubblicato il 12.11.2017 16:21

Guarda anche
Bar Sport
Il responsabile dei direttori di gara ticinese denuncia e dettaglia la crisi del settore: "All’ultimo corso per arbitri se ne sono iscritti 19. Quelli che hanno concluso positivamente il programma non erano più di 7….Spesso ci troviamo a dovere accettare situazioni improponibili con la necessità di richiedere agli arbitri di dirigere 2 o 3 partite in un fine settimana"
Bar Sport
L'ANALISI - Ora è il tempo dei processi. Si faranno tanti discorsi, conditi da luccicanti buoni propositi da vendere all’opinione pubblica, ma alla fine cambierà poco o nulla. Per fare la rivoluzione servono i rivoluzionari o i soldi: l’Italia non ha né l'una e né l'altra cosa. Quel poco che si può fare però va fatto
Bar Sport
Andiamo controcorrente anche se in situazioni del genere - che nel calcio abbiamo visto migliaia di volte - è molto popolare schierarsi a favore dell’allenatore buono (e criticato), contro il presidente cattivo (che critica, facendo invasione di campo, nel sacro perimetro del ruolo del tecnico). IL VIDEO CON LE DICHIARAZIONI DI TAMI CONTRO RENZETTI
Bar Sport
Probabilmente si è trattato di un problema di tachicardia ma saranno i medici, che hanno disposto ulteriori approfondimenti, ad accertare l’entità del problema