Cronaca
Delitto di Stabio, il cognato di Nadia Arcudi alle Criminali per assassinio e turbamento della pace dei defunti. Ma c'è anche la sottrazione di 260'000 franchi dalle casse della SUPSI e una truffa di 5'000 franchi
La procuratrice Pamela Pedretti ha firmato oggi il rinvio a giudizio dinnanzi alla Corte delle Assise criminali di Mendrisio dell'autore dell'uccisione di Nadia Arcudi, avvenuta a Stabio la sera del 14 ottobre del 2016
foto: TiPress/Francesca Agosta
LUGANO - Il Ministero Pubblico fa sapere che la procuratrice Pamela Pedretti ha firmato oggi il rinvio a giudizio dinnanzi alla Corte delle Assise criminali di Mendrisio dell'autore dell'uccisione di Nadia Arcudi, avvenuta a Stabio la sera del 14 ottobre del 2016. Nei confronti dell'imputato, cognato della vittima, per questi fatti, vengono ipotizzati i reati di assassinio e di turbamento della pace dei defunti.

Oltre a ciò - come già era stato comunicato - l'uomo dovrà pure rispondere dell'accusa di ripetuta appropriazione indebita e di falsità in documenti per aver sottratto alle casse della SUPSI, Istituto presso il quale lavorava, una cifra di almeno 260 mila franchi. Infine dovrà rispondere anche dell'accusa di truffa, in relazione a una raccolta fondi per 5 mila franchi.

Pubblicato il 13.11.2017 22:59

Guarda anche
Cronaca
Il 36enne che ora è accusato di omicidio volontario, subordinatamente colposo, e di tutte le possibili e immaginabili violazioni del codice stradale, era uscito da pochi giorni dalla clinica psichiatrica di Mendrisio. E nonostante questo aveva la patente. Che una settimana fa si è trasformata in una sorta di licenza di uccidere, per parafrasare un celebre film di James Bond
Cronaca
Intervista all'ex procuratore pubblico che riflette sulla morte del Capo dei Capi di Cosa Nostra, ricorda gli anni in cui da magistrato combatteva la mafia e ammonisce sul futuro: "Quando nel 2000 lo interrogai si limitò ad augurarci buona giornata. Riina si è sporcato le mani di sangue come quasi nessuno. Ma oggi combattere la criminalità organizzata è ancora più difficile"
Cronaca
Impossibile calcolare le vittime mietute da Totò Riina, dalla gioventù corleonese, all’arresto palermitano. Sia tra i mafiosi, sia tra gli uomini dello Stato, sia tra i civili
Cronaca
Sul posto, per i primi soccorsi, è intervenuto un equipaggio di Tre Valli Soccorso. Per permettere i rilievi da parte del servizio incidenti, l'autostrada è stata chiusa e il traffico deviato sulla cantonale da Varenzo a Faido. Il perturbamento si protrarrà ancora per diverse ore