Cronaca
Due funzionari cantonali sotto inchiesta per atti sessuali e coazione con persone dipendenti. Il Dipartimento del territorio ha avviato le procedure di licenziamento. I reati sono stati commessi ai danni di un apprendista a loro affidato
Alla luce dell’apertura del procedimento penale il Consiglio di Stato ha sospeso i funzionari dal servizio, ha avviato un’inchiesta disciplinare e, su richiesta del Dipartimento diretto da Claudio Zali, le procedure di licenziamento
foto: TiPress/Sara Solcà
BELLINZONA - Il Dipartimento del territorio fa sapere oggi che negli scorsi giorni il Ministero pubblico ha aperto un procedimento penale nei confronti di due funzionari dell’Amministrazione cantonale. Le ipotesi di reato sono di coazione sessuale, atti sessuali con persone dipendenti, ripetuta coazione, violazione del dovere di assistenza e di educazione.

I fatti risalirebbero ad alcuni anni fa e sarebbero stati commessi in danno di un apprendista a loro affidato. Nei loro confronti era in corso un’inchiesta amministrativa ordinata dal Consiglio di Stato per fatti diversi da quelli oggetto dell’indagine penale. Alla luce dell’apertura del procedimento penale il Consiglio di Stato ha sospeso i funzionari dal servizio, ha avviato un’inchiesta disciplinare e, su richiesta del Dipartimento del territorio, le procedure di licenziamento.


Pubblicato il 14.11.2017 09:48

Guarda anche
Cronaca
Il 36enne che ora è accusato di omicidio volontario, subordinatamente colposo, e di tutte le possibili e immaginabili violazioni del codice stradale, era uscito da pochi giorni dalla clinica psichiatrica di Mendrisio. E nonostante questo aveva la patente. Che una settimana fa si è trasformata in una sorta di licenza di uccidere, per parafrasare un celebre film di James Bond
Cronaca
Intervista all'ex procuratore pubblico che riflette sulla morte del Capo dei Capi di Cosa Nostra, ricorda gli anni in cui da magistrato combatteva la mafia e ammonisce sul futuro: "Quando nel 2000 lo interrogai si limitò ad augurarci buona giornata. Riina si è sporcato le mani di sangue come quasi nessuno. Ma oggi combattere la criminalità organizzata è ancora più difficile"
Cronaca
Impossibile calcolare le vittime mietute da Totò Riina, dalla gioventù corleonese, all’arresto palermitano. Sia tra i mafiosi, sia tra gli uomini dello Stato, sia tra i civili
Cronaca
Sul posto, per i primi soccorsi, è intervenuto un equipaggio di Tre Valli Soccorso. Per permettere i rilievi da parte del servizio incidenti, l'autostrada è stata chiusa e il traffico deviato sulla cantonale da Varenzo a Faido. Il perturbamento si protrarrà ancora per diverse ore