Cronaca
"Lo scrivo con un brivido dentro: avrei potuto essere io...quel criminale". Un lettore di Liberatv racconta la sua testimonianza dopo il drammatico incidente di Sigirino: "Anni fa fui fermato dalla polizia con un tasso alcolemico elevato. Fortunato a non aver causato incidenti"
La coraggiosa testimonianza di un lettore aggiunge un prezioso tassello di riflessione sull’incidente che ha provocato la morte di Andrea Tamborini: "La condanna che mi è stata inflitta è stata severa e giusta: ha avuto un buon effetto deterrente sulla mia persona. Un pensiero alla famiglia".
SIGIRINO - “Lo scrivo con un brivido lungo la schiena: avrei potuto essere io quel criminale”. È una lettera coraggiosa quella inviataci da un nostro lettore. Una lettera che fornisce un prezioso tassello di riflessione sull’incidente che ha provocato la morte di Andrea Tamborini.

 

Il nostro lettore, che è noto alla nostra redazione, ha acconsentito a riportare la sua testimonianza a patto di mantenere l’anonimato.

 

“Scrivo - comincia la lettera - pensando alla tragedia, ingiusta, che ha colpito la famiglia della vittima. Ma scrivo anche pensando al responsabile dell’incidente. E, non senza un brivido dentro, dico che avrei anche potuto essere io. Lo dico perché anni fa sono stato fermato dalla polizia cantonale mentre stavo viaggiando a bordo della mia macchina. Mi fu riscontrato un tasso alcolemico elevato”.

 

“La condanna che mi è stata inflitta  -prosegue il lettore - è stata severa e giusta: ha avuto un buon effetto deterrente sulla mia persona. Anzitutto per quanto concerne l'approccio verso l’alcool, misurandone sia il consumo sia il bisogno. Inoltre la contravvenzione ha influito sul mio comportamento come automobilista. Bisogna infatti tenere conto che anche in situazioni normali (sobrietà e buone condizioni della strada) l'imprevisto è sempre dietro l'angolo e, senza averne colpa, si può essere protagonisti di un incidente, anche dall'esito letale”.

 

“Questa esperienza - scrive ancora il nostro lettore - mi ha dato la possibilità di elaborare il mio comportamento criminale che, per fortuna, non ha avuto conseguenze per nessuno (se non positive per me poiché, messo davanti all'evidenza di un mio comportamento illegale, ho capito quanto potesse essere pericoloso e sbagliato)”.

 

“Vi è poi da dire - afferma il lettore - che nello svolgere i corsi di sensibilizzazione (invero anche per ridurre la pena), ho conosciuto dei compagni che ritenevano di essere vittima di un sistema di uno Stato poliziesco che li aveva condannati solo per fare cassetta. Si trattava principalmente di amanti della velocità, i quali si sentivano sicuri delle proprie capacità di condurre, e delle qualità performanti del proprio veicolo. Essi sono forse ancora più pericolosi in quanto una volta riottenuta la patente avranno presumibilmente lo stesso comportamento”.

 

“Mi ritengo fortunato - termina il lettore - a non aver mai causato incidenti con esiti nefasti, e mi auguro di non incorrere mai in episodi di questo genere. Un buon punto di partenza è un comportamento consapevole e sano, che non aumenti le probabilità che avvenga l'irreparabile, e permetta a me e ad altri di tornare a casa illesi. Concludo esprimendo un sincero pensiero di sconforto e tristezza ai familiari della vittima dell'incidente di Sigirino, nella speranza che un giorno possano trovare un raggio di luce che li aiuti a proseguire il cammino della loro esistenza”.



Pubblicato il 14.11.2017 18:29

Guarda anche
Cronaca
Il 36enne che ora è accusato di omicidio volontario, subordinatamente colposo, e di tutte le possibili e immaginabili violazioni del codice stradale, era uscito da pochi giorni dalla clinica psichiatrica di Mendrisio. E nonostante questo aveva la patente. Che una settimana fa si è trasformata in una sorta di licenza di uccidere, per parafrasare un celebre film di James Bond
Cronaca
Intervista all'ex procuratore pubblico che riflette sulla morte del Capo dei Capi di Cosa Nostra, ricorda gli anni in cui da magistrato combatteva la mafia e ammonisce sul futuro: "Quando nel 2000 lo interrogai si limitò ad augurarci buona giornata. Riina si è sporcato le mani di sangue come quasi nessuno. Ma oggi combattere la criminalità organizzata è ancora più difficile"
Cronaca
Impossibile calcolare le vittime mietute da Totò Riina, dalla gioventù corleonese, all’arresto palermitano. Sia tra i mafiosi, sia tra gli uomini dello Stato, sia tra i civili
Cronaca
Sul posto, per i primi soccorsi, è intervenuto un equipaggio di Tre Valli Soccorso. Per permettere i rilievi da parte del servizio incidenti, l'autostrada è stata chiusa e il traffico deviato sulla cantonale da Varenzo a Faido. Il perturbamento si protrarrà ancora per diverse ore