Cronaca
Fa benzina a Losone e scappa senza pagare. Poi viene fuori che quell'auto l'aveva rubata in Italia. Il malvivente, un 22enne senza fissa dimora, è stato arrestato oggi ad Ascona. Per le ricerche è stato usato anche un elicottero dell'esercito
Una pattuglia ha intercettato il veicolo nei pressi di via Delta verso le 13,30 e poco dopo il giovane è stato fermato nello scantinato di un palazzo da parte di una pattuglia della Polizia cantonale in collaborazione con la comunale di Ascona
foto: TiPress/Davide Agosta
ASCONA - La Polizia cantonale, le Guardie di confine, la Polizia comunale di Ascona e la Polizia della città di Locarno comunicano che questo pomeriggio ad Ascona in via Delta è stato fermato un ragazzo di 22 anni, di nazionalità italiana e senza fissa dimora. Lo stesso stamattina verso le 11 ha fatto rifornimento di carburante in un distributore di Losone senza pagare. Poi è fuggito al volante di una vettura con targhe italiane.

Dagli accertamenti si è potuto stabilire che l'auto risultava rubata in Italia il 2 dicembre. Durante le ricerche coordinate dalla Polizia cantonale hanno collaborato le Guardie di confine, e le polizie di Locarno e Ascona. Una pattuglia ha intercettato il veicolo nei pressi di via Delta verso le 13,30 e poco dopo il giovane è stato fermato nello scantinato di un palazzo da parte di una pattuglia della Polizia cantonale in collaborazione con la comunale di Ascona. Durante le ricerche è pure stato utilizzato un elicottero delle Forze Aeree Svizzere, già in impiego da parte delle Guardie di confine, e che stava svolgendo un lavoro di routine.



Pubblicato il 05.12.2017 17:10

Guarda anche
Cronaca
Il giovane keniota che mercoledì scorso ha provocato il frontale con un camion nella galleria del San Gottardo era probabilmente un passatore. Il 22enne è morto in seguito all’incidente, come il camionista di 78 anni che stava trasportando verso il Ticino un carico di finestre
Cronaca
L'ipotesi di reato al vaglio degli inquirenti è di istigazione e aiuto al suicidio legata in particolare agli aspetti finanziari di questa attività. L'inchiesta è coordinata dal Procuratore pubblico Andrea Minesso
Cronaca
Le persone finite in carcere sono un 41enne e una 49enne, entrambi cittadini italiani residenti nel Luganese. L'inchiesta è coordinata dal Procuratore pubblico Moreno Capella
  • Le più lette