Cronaca
Maxi controllo in una sezione della Stampa da parte della polizia. Si cercavano droga e oggetti pericolosi. Non è stato trovato nulla. La direzione del carcere: "Soddisfazione"
L'operazione programmata si è svolta nella calma e senza problemi di sorta. Alla stessa hanno partecipato complessivamente 90 agenti, fra cui alcune unità cinofile, della Polizia cantonale, della Polizia della città di Bellinzona e della Polizia comunale di Chiasso
© Ti-Press / Pablo Gianinazzi
CADRO - La Polizia cantonale e le Strutture carcerarie cantonali comunicano che oggi di prima mattina è scattato un controllo programmato congiunto fra polizia e servizio di custodia presso una sezione del carcere penale La Stampa.


L'operazione con l'obiettivo di promuovere la sicurezza presso la struttura carceraria e scongiurare la presenza di sostanze stupefacenti ed oggetti vietati, si è svolta nella calma e senza problemi di sorta. Alla stessa hanno partecipato complessivamente 90 agenti, fra cui alcune unità cinofile, della Polizia cantonale, della Polizia della città di Bellinzona e della Polizia comunale di Chiasso.


Al termine dell'attività si è potuto constatare con soddisfazione, in particolare da parte delle Strutture carcerarie, come non siano state rivenute sostanze stupefacenti o oggetti pericolosi, rispettivamente non siano state individuate situazioni penalmente rilevanti, a testimonianza dell'efficacia dei protocolli di sicurezza adottati presso il p enitenziario.

Pubblicato il 06.12.2017 11:04

Guarda anche
Cronaca
Il giovane keniota che mercoledì scorso ha provocato il frontale con un camion nella galleria del San Gottardo era probabilmente un passatore. Il 22enne è morto in seguito all’incidente, come il camionista di 78 anni che stava trasportando verso il Ticino un carico di finestre
Cronaca
L'ipotesi di reato al vaglio degli inquirenti è di istigazione e aiuto al suicidio legata in particolare agli aspetti finanziari di questa attività. L'inchiesta è coordinata dal Procuratore pubblico Andrea Minesso
Cronaca
Le persone finite in carcere sono un 41enne e una 49enne, entrambi cittadini italiani residenti nel Luganese. L'inchiesta è coordinata dal Procuratore pubblico Moreno Capella
  • Le più lette