Politica e Potere
"Macché terrorismo mediatico, è la pura e semplice verità!". Luigi Pedrazzini rispedisce al mittente le accuse di esasperare i toni nella campagna sulla No Billag: "Se passa l'iniziativa la RSI chiude, per sempre"
Il presidente della CORSI va al contrattacco: "Cosa dovrebbe fare chi combatte l'iniziativa? Sminuirne gli effetti? Non c'è ricatto, non ci sono previsioni apocalittiche, ma è pura e semplice logica: dire di sì a "No Billag" significa spegnere la RSI"
© Ti-Press / Samuel Golay
COMANO - “Non è terrorismo mediatico, ma la semplice verità”. Luigi Pedrazzini, in un breve commento riportato sul sito della CORSI, ribatte alle accuse mosse dai sostenitori del sì alla No Billag - ma anche da alcuni sostenitori del “no” - che puntano il dito contro la campagna a sostegno della RSI.

 

“I sostenitori della No Billag - scrive il presidente della Cooperativa che gestisce la radiotelevisione pubblica - accusano spesso i contrari di fare del "terrorismo mediatico" quando ipotizzano scenari catastrofici in caso di accettazione dell'iniziativa. A parte il fatto che sarebbe meglio evitare in questo ambito e di questi tempi la metafora terroristica, perché mal s'addice alla fattispecie e appare offensiva per le vittime del vero terrorismo, ma cosa dovrebbe fare chi combatte l'iniziativa? Sminuirne gli effetti?”.

 

“Affermare che la proposta di abolizione del canone porta inevitabilmente alla chiusura della SSR e delle sue emittenti regionali come la RSI - prosegue Pedrazzini - è pura e semplice verità, desunta direttamente dal drastico testo dell’iniziativa!"

 

“Non c'è ricatto, non ci sono previsioni apocalittiche, ma è pura e semplice logica: dire di sì a "No Billag" significa spegnere la RSI, per sempre!”, la chiosa del presidente della CORSI.



Pubblicato il 07.12.2017 10:46

Guarda anche
Politica e Potere
Sia il capogruppo Daniele Caverzasio che la stessa Minoretti, motivano la scelta di lasciare il Parlamento con l’impossibilità per l’ormai ex Gran Consigliera di conciliare l’attività professionale con quella parlamentare. Ma in realtà la goccia che ha fatto traboccare il vaso è stata un'altra....
Politica e Potere
Il Consigliere agli Stati sul collega vallesano finito sotto i riflettori dello scandalo: "È irritante l'immagine di un Parlamento infarcito di uomini incapaci a controllarsi dinnanzi alle colleghe, degni successori del Cavaliere nella sua villa di Arcore, oppure di Strauss-Kahn in qualche camera d’albergo. Non è così. A Palazzo federale non si entra in un ascensore solamente dopo essere riusciti ad evitare questo o quel collega compagno di viaggio..."
Politica e Potere
Dopo la presa di posizione favorevole alla riforma del Consigliere di Stato e di larga parte del Gruppo in Gran Consiglio, ecco quella contraria della direzione del partito: "Non mi interessano accordi, inciuci di palazzo nei quali tu mi dai questo ed io ti do quell’altro. Sui bisogni della popolazione e del Cantone non si mercanteggia"
Politica e Potere
Bertoli, Kandemir Bordoli, Ghisletta e Garobbio: "La sinistra, che si oppone agli sgravi fiscali, non deve affossare il pacchetto fiscale e sociale e non deve rilanciare la politica scellerata degli sgravi fiscali a senso unico voluti dalla Destra"
  • Le più lette