L'ANALISI - Dadò ha messo in cima alle sue priorità programmatiche questo tema: "È impensabile continuare a tacere di fronte al continuo incessante e intollerabile saccheggio alle tasche dei cittadini ad opera delle Casse Malati". Una posizione in netta controtendenza rispetto a quella finora espressa dal ministro PPD
Senza alcun interesse personale, se non quello del profondo rispetto per il lavoro di colleghi e amici, e dell’inesauribile amore che nutro per la nostra professione. Senza voler giudicare la decisione di un’autorità prima che la decisione stessa sia stata pronunciata. Ricordando quindi che nei confronti dei giornalisti del Caffè, per gli articoli sulla clinica Sant’Anna e sul caso del dottor Rey, è stata per ora soltanto promossa l’accusa per due ipotesi di reato: nessuna condanna, e neppure nessuna decisione di rinvio a giudizio
ANALISI - Ora che il fronte è aperto bisognerà capire se la Lega, oltre che a contarsi, sarà capace di trovare una sintesi interna. Il passaggio non è scontato perché queste battaglie fanno il sangue acido. E quando il sangue si fa acido...
L'ANALISI - Dobbiamo continuare a pagare il canone di ricezione dei segnali televisivi se consumiamo prodotti che non utilizzano la diffusione televisiva? Se guardo un programma tivù pago, se guardo il televisore usando altre fonti no
Chi vuole sporcarsi le mani per cominciare a disegnare un futuro che sia un pochino diverso dall'attualità, pitturata da lobby politiche ed economiche che menano il torrone da decenni, stavolta ha una penna per farlo
Chi vuole sporcarsi le mani per cominciare a disegnare un futuro che sia un pochino diverso dall'attualità, pitturata da lobby politiche ed economiche che menano il torrone da decenni, stavolta ha una penna per farlo
Dal servizio pubblico bisogna pretendere l'ascolto dei contribuenti ma nessuno - specialmente chi è ricco e potente - deve sentirsi legittimato nello scrivere lettere che sfiorano la prepotenza per imporre palinsesti che rispettino il suo gusto personale e del mondo che rappresenta. È la differenza che corre tra libertà e liberismo.
Il nostro Paese figura dunque fra i numerosi finanziatori di questo ente privato dove siamo in compagnia, tra gli altri, dei peggiori banditi finanziari del Mondo e di Nazioni pesantemente sospettati di legami con il terrorismo islamico: il Qatar, ad esempio, e gli immancabili sauditi. E anche sul nostro versamento si allunga l'ombra della corruzione
L'ANALISI - Nella vocazione il referendum sulla tassa sul sacco non è dissimile da quello che fu lanciato contro la partecipazione del Ticino all'Expo di Milano. Ma nella sostanza questa volta il passo è certamente più lungo e spregiudicato. La forzatura è tanto evidente quanto probabilmente cercata da una parte della Lega. E siccome in via Monte Boglia non si fanno i congressi si va alla conta davanti al popolo per stabilire nuovi equilibri interni
Video
Quello a cui stiamo assistendo è un rigetto, non una cura. E se non può che essere positiva la ribellione verso Poteri - dall'UE a Wall Street - così prepotenti da aver distrutto con un cinismo abominevole la quotidianità di milioni di persone, non possiamo essere così coglioni da credere che saranno altri Poteri, e altri pifferai, a fare il Miracolo
La soluzione ideale: i comuni prelevano la tassa di raccolta, e finanziano il servizio offerto ai cittadini, mentre il Cantone finanzia direttamente i costi di smaltimento stabilendo il prezzo del sacco. E basta con l'arcobaleno dei sacchi. Ma ci diranno che è troppo semplice per essere applicata
L'ANALISI - Anche politicamente lo snodo è importante. Se il PPD eleggerà alla presidenza Fiorenzo Dadò, indicherà come leader una personalità da sempre contraria alla Libera circolazione e che il 9 febbraio ha votato sì. Certo, non un'estremista del no-UE, ma comunque un politico schierato su posizioni nette in materia di rapporti tra Svizzera e Europa
L'ANALISI - Nella grottesca vicenda andata in scena in due serate di Consiglio Comunale a Lugano, costata una figuraccia colossale alla prima città del Cantone, la classica politica luganese è scivolata sul terreno peggiore, quello che già di per sé fa irritare la cittadinanza: la spartizione delle poltrone. Ecco un riassunto di ciò che non ha funzionato
L'ex presidente del PS Leggeri tuona contro i suoi che lasciano la sala: "Gruppo invertebrato! Sono incavolato nero e pronto a dare le dimissioni". E questa vicenda, triste, comunque vada a finire e indipendentemente dai protagonisti, non contribuirà di certo ad avvicinare i cittadini alla politica
Invece di cantar vittoria per la decisione odierna del Nazionale - che ci sta - la politica (in particolare Governo e municipi) dovrebbero emanare chiare direttive e applicare nei concorsi pubblici il principio “prima i nostri”, nel senso, prima le ditte locali
L'ANALISI - Si è creata un'economia per macchine e piloti da corsa e ora si pensa di poter mettere dei limiti di velocità sul circuito e di annullare i pericoli per chi guida. Non ha senso e non può funzionare
Gallery
Le storie di Tiziana Cantoni, di Carolina Picchio, della ragazza stuprata a Rimini mentre le amiche filmavano la scena... Possiamo davvero dire: "È il mondo 2.0, bellezza. E tu non ci puoi far niente""
L'ANALISI - Riflessioni a margine della manifestazione pro migranti di Chiasso. Tra disordini e reazioni sui social. Noi e loro. O noi o loro. Io che sto con la polizia e io sto con gli altri. Come se non fossimo tutti ticinesi. No. Tutti uguali. Tutti al rogo. Poliziotti e manifestanti. Teppisti e non. Tutti coraggiosi difensori delle proprie idee con il viso celato per la strada o dietro una tastiera
L'ANALISI - Al di là delle schermaglie politiche, si chiede una cosa semplice in un momento politicamente delicato e che presto produrrà scelte importanti: che tutte le carte vengano messe sul tavolo. E francamente, mettendo da parte malizie e sospetti, si fa davvero fatica a immaginare un motivo per cui non lo si voglia fare. Conoscere per deliberare: è tutto qui. Intanto anche Lorenzo Quadri va all'attacco: "Il Governo giochicchia sui termini (domande pagate/domande aperte) e tace alcune cosucce per abbellire la situazione"
Le nostre fortune degli ultimi decenni sono sempre dipese dalla frontiera. Dal saperne approfittare in modo lecito e illecito. E ora che la frontiera non c'è più come c'era un tempo, il confine è diventata la nostra principale iattura. Ma nonostante tutto dobbiamo cercare di avere fiducia, di darci una mano l'un l'altro, di stare uniti e di stare insieme il più possibile. Somos todos Momò
L'ANALISI - Per restare nel no­stro cantone, basta dare un’occhiata al sito della Lega Musulmani Ticino per rendersi conto dell’aria che tira. Sotto la rubrica “Terrorismo” si trovano infatti articoletti tipo: “Terroristi cristiani sgozzano e man­giano musulmani” o addirittura “La falsa notizia sul Ca­liffato islamico che ordina l’infibula­zione di tutte le donne” (come dire: quelli dell’Isis non sono poi così cattivi come li dipingono, e a volte sono vit­time di diffamazione), articoli che non favoriscono certamente una cultura di pace e di dialogo
Darsi il tempo non significa affatto rinunciare all'ambizione, che non deve mai mancare, di arrivare primi. Significa, se si lavora bene, prepararsi a vincere. La politica è fatta di cicli con un inizio e una fine. E in una democrazia in salute gli invincibili hanno sempre una data di scadenza che coincide con la capacità degli avversari di rilanciarsi e farsi trovare pronti all'appuntamento. Con meno ansia e più lucidità
Il dubbio è uno dei valori più fragili e preziosi di quel che resta di questa nostra cultura europea. Perché i fondamentalismi non hanno tentennamenti, perseguono senza il filtro del ragionamento e della critica gli ordini del loro dogma. Mentre chi dubita ascolta, analizza, riflette, cambia idea, non si accontenta
I profeti: Quentin Tarantino e Jean Paul Sartre: “Io pure, un giorno, al termine della mia oscura vita, sarei esploso e avrei illuminato il mondo d’una luce breve e violenta come un lampo di magnesio"