"Il Municipio non ha, manifestamente, espletato i controlli sufficienti che gli avrebbero permesso di correggere a tempo debito sistematiche violazioni della Legge sulla commesse pubbliche"
Considerato l’esito di questa vicenda il Municipio deve censurare il comportamento di chi, con segnalazioni gratuite, ha contribuito ad alimentare la cultura del sospetto nei confronti dell’Amministrazione
Il verbale ‘incriminato’ era quello del 14 febbraio 2012, in cui si sarebbe discusso delle lettere inviate dalla Pulimania per lamentare la mancata messa a concorso della pulizia e degli stabili comunali. Lamentele che avrebbero poi innescato il caso
Lorenza Pedrazzini: "Il Comune è un servizio pubblico che non può permettersi una gestione approssimativa, soprattutto di un settore dove molti interessi vi ruotano attorno"
Il Cantone: “Lacunosa, se non del tutto assente, applicazione della Legge, in particolare nel caso dell’aggiudicazione di commesse ricorrenti, nonché nella pubblicazione delle liste delle commesse aggiudicate”
Lo comunica il Municipio che, sulle commesse che sollevarono il caso, aggiunge: “Sono state oggetto di verifiche, a seguito delle quali l'Esecutivo ha già disposto importanti correttivi attivando concorsi e consentendo notevoli risparmi al Comune"
“Se ci fosse stata una chiara la volontà di fare trasparenza, si sarebbe creato in Municipio un clima politico collegiale e sereno, i mandati dubbi o sospetti verrebbero segnalati al plenum"
Video
La sezione liberale scende in campo sulla segnalazione di un appalto dubbio e tira in ballo il municipale PPD. Che replica: "Concordo: occorre garantire ai cittadini un lavoro corretto da parte dell'amministrazione"
L'Esecutivo ha affrontato la questione nella seduta odierna e ha diramato una nota dopo la sfuriata della Commissione del personale
Alta tensione dopo l'intervento della magistratura. La Commissione: "Gli ipotetici panni sporchi sono finiti in Piazza Grande". Cotti: "Chi doveva fare il bucato, il Municipio, in passato non l’ha mai fatto”
L’uomo è indagato in merito a un recente mandato da 15mila franchi per la sistemazione di alcuni locali, il sospetto è che abbia favorito una delle quattro ditte interpellate per i lavori
Dopo il procuratore Garzoni anche la Camera dei reclami conferma: non vi fu diffamazione
Dopo la bufera dei mesi scorsi, terminata l'epoca dei mandati diretti, il Municipio si mette in regola. Ecco le ditte che si sono aggiudicate i lavori e a quale prezzo
La sindaca: i concorsi pubblici aperti dal Comune sul finire del 2013 non sono “la conseguenza degli eventi straordinari che hanno stravolto il nostro lavoro nel corso delle ultime settimane”
I servizi finanziari hanno approntato i preventivi per le assicurazione del 2014 dopo aver emanato un regolare bando di concorso a differenza di quel che era accaduto sino allo scorso anno
  • Le più lette
Gallery
L'ANALISI - A Locarno si apre un altro piccolo giallo: quello sulla verifica tecnico-informatica che sarebbe stata “effettuata a Palazzo Marcacci”... Ma di cui nessuno sa nulla
Prosegue l'inchiesta del procuratore generale John Noseda sull'ormai celebre verbale del Municipio sulla lettera della Pulimania. Ma non è detto che si arrivi a risposte certe
Gli investigatori sarebbero intenzionati a capire se nel febbraio del 2012 il Municipio discusse veramente delle lettere della Pulimania o se, come alcuni sospettano, quella discussione non ci fu, nonostante risulti a verbale
Mozione di tre consiglieri comunali PPD: "Questo servizio è già stato adottato dal Cantone e da alcuni comuni importanti. E non va inteso come strumento poliziesco"
"A me interessa poco chi sono i municipali nuovi e quelli vecchi. Se i nuovi sono veramente nuovi, devono avere il coraggio di chiedere le dimissioni del sindaco e dei municipali coinvolti con la sua gestione"
Lettera aperta del Municipale leghista al coordinatore dei Verdi: "In Municipio ci sono 4 munici­pali neoeletti e sono proprio stati loro a fare scoppiare il bubbone. Giusto che restino per continuare a fare le pulizie"
“Non perché sia responsabile personalmente di qualche cosa: deve andarsene perché, in quanto sindaco, è responsabile politicamente del disastro combinato da questo municipio”, motiva il coordinatore dei Verdi