ULTIME NOTIZIE Archivio
Nuvolari
1 mese
Lugano e la Formula E, un amore troppo acerbo. Gabriele Testi: "Ma il sindaco Marco Borradori, la Città e il Ticino hanno dato il là alla storia. Senza di loro non so se Zurigo ce l'avrebbe fatta"
Archivio
1 mese
Ritorno in Sardegna... Un breve viaggio con Riccardo Rossi nell'incanto di Piscinas, tra dune e mare, vini e cucina d'autore, dove un insediamento minerario è diventato un "ecoresort"
Nuvolari
5 mesi
Elogio del mitico Caravelle. Mette in vendita il suo 'van' dell'85 e gli dedica una 'poesia d'amore': "Da 0 a 100 in due settimane. Motore che quando dai gas stermini interi asili. Consumo e rumore di un Boeing in decollo. Ghiaccio e neve affrontabili sol
Nuvolari
6 mesi
Avviso ai naviganti... Usare anche per pochi metri la corsia di emergenza in caso di ingorghi può costarvi una condanna penale. E il Tribunale federale ribadisce e rafforza il tabù del sorpasso a destra: vietatissimo!
Archivio
6 mesi
Armando Dadò, la rivoluzione bloscevica e la Russia da Lenin a Putin: "Chi ha creduto in questa ideologia per convinzione, per conformismo o per convenienza, alla fine si è trovato di fronte alla realtà dei fatti e alla memoria di una catastrofe"
Nuvolari
7 mesi
Il mito delle vetture giapponesi che non si guastano mai... Giuseppe Loffredo racconta il mondo Mazda, il più piccolo costruttore indipendente al mondo. Una casa automobilistica che produce in modo sartoriale e che porta il nome di una divinità
Archivio
7 mesi
Mele marce... Bufera su Apple negli Stati Uniti: il colosso di Cupertino ha ammesso di allentare deliberatamente la performance dei vecchi iPhone tramite gli aggiornamenti. Così la gente compra un nuovo smartphone
Archivio
23.04.2017 - 16:170

Un'altra grande mostra alla pinacoteca di Locarno, che propone le principali opere di uno dei guru della Pop Art, Robert Indiana. L'artista divenuto celebre per il suo 'Love' e per le sue 'poesie scultoree'. Su di lui che mangia un fungo Andy Warhol girò

La mostra, curata dal direttore dei Musei di Locarno, Rudy Chiappini, propone opere pittoriche e sculture in bronzo, legno e alluminio. Le più grandi di queste ultime, tra cui la famosissima ‘Love’ con la ‘o’ inclinata, sono esposte negli spazi esterni della pinacoteca

LOCARNO – Alla pinacoteca di Casa Rusca a Locarno è in corso da un paio di settimane una mostra dedicata a uno dei più importanti esponenti della ‘Pop Art’: Robert Indiana, al secolo Robert Clark, artista, scenografo e costumista statunitense. La mostra, curata dal direttore dei Musei di Locarno, Rudy Chiappini, propone opere pittoriche e sculture in bronzo, legno e alluminio.

Le più grandi di queste ultime, tra cui la famosissima ‘Love’ con la ‘o’ inclinata, sono esposte negli spazi esterni della pinacoteca. Ma la mostra propone molti altri incontri sorprendenti, come la barca del pirata, intitolata 'Rum run'...

“Il motivo per cui Love mi ha tanto interessato – scrisse Indiana nel 1963 – è che rappresenta un elemento caratteristico del particolare paesaggio americano, particolarmente nel mio ambiente, che era cristiano. ‘Dio è amore’, si trova scritto in ogni chiesa”.
L’idea nacque come cartolina natalizia del MoMa di New York, ricorda Chiappini nella presentazione del catalogo, ma assurse poi “a inno della pace per poi affermarsi come marchio universale della Hippie Generation”.

Indiana lasciò la sua terra d’origine, l’Indiana da cui prese il soprannome, nel ’54 e si trasferì a New York unendosi al movimento della Pop Art, e usando immagini semplici, parole – Eat, Hug e Love, appunto - o numeri, diede vita a quelle che chiamò "poesie scultoree".
Dopo gli attentati dell'11 settembre 2001, Indiana produsse una serie di Dipinti della pace (Peace Paintings), che furono esposti a New York nel 2004.

Curiosità: l’artista è protagonista del film Eat (1964) di Andy Warhol, che consiste in un'unica ripresa lunga 45 minuti di Indiana che mangia un fungo.
Potrebbe interessarti anche
Tags
mostra
indiana
love
locarno
pinacoteca
robert
art
pop art
artista
pop
© 2018 , All rights reserved