TIPRESS
Coronavirus
25.01.2021 - 16:470

Covid alla Casa per anziani di Sementina, UDC e Lega passano all'attacco: "Sospendere immediatamente responsabili"

"Che cosa deve ancora accadere oltre a quanto successo all'interno della struttura?"

SEMENTINA – La gestione dell’epidemia da coronavirus alla Casa per anziani di Sementina è stata oggetto di diversi atti parlamentari volti a fare luce sulla questione. L’ultimo esplosivo attacco, in ordine cronologico, arriva a firma della Sezione UDC-Lega dei Ticinesi di Bellinzona.

“Il municipale PPD di Bellinzona Giorgi Soldini – si legge – deve essere immediatamente sospeso dal Municipio e scusarsi con i parenti degli anziani deceduti nella Casa per anziani di Semetina. Parimenti il direttore Silvano Morisoli e la dottoressa Mosconi-Monighetti devono essere sospesi fino al termine dell’inchiesta penale”.

E ancora: “La pubblicazione da parte dei media dei rapporti dell’ufficio del medico cantonale risalenti all’estate/autunno 2020 dimostra la totale inaffidabilità del municipale Giorgio Soldini, che ha sempre nascosto la verità. Rispondendo a un’interpellanza sulle case anziani, il 22 aprile, il municipale affermava che tutto era regolare e che erano state scrupolosamente seguite le direttive del medico cantonale.A quel momento nessuno ancora sapeva che c’erano già stati almeno 21 morti di coronavirus tra gli ospiti della casa per anziani di Sementina, che i contagi erano numerosi tra il personale, e che degli imbianchini andavano e venivano liberamente, malgrado che il medico cantonale avesse già ordinato la chiusura dell’istituto”.

“Le stesse cose – attaccano – le ha poi raccontate in Consiglio comunale davanti a 60 persone lo scorso mese di settembre, continuando a rilasciare interviste nelle quali perseverava nel dimostrare sicurezza assoluta nonostante fosse a conoscenza del contenuto dei documenti. La casa per anziani di Sementina ha organizzato due mezzi reparti Covid-19 dove però gli ospiti contagiati rimanevano mischiati con quelli sani, e dove le infermiere notturne operavano su tutti i cinque piani favorendo la diffusione del virus”.

“Ciononostante, il municipale PPD Soldini continua imperterrito a negare l’evidenza e a recitare la cantilena in Municipio, secondo la quale se ci sono stati degli errori e dei morti, ciò è dovuto agli sbagli del medico cantonale. Alla luce dei fatti emersi, si devono ora mettere in dubbio le risposte alle nostre cinque interpellanze sul tema e probabilmente pure il reclamo contro un paio di servizi della RSI”.

“Il Municipio, che ha sospeso il Capo dicastero e il direttore del Dicastero Opere pubbliche per i noti sorpassi di spesa, quando si deciderà finalmente a prendere seriamente in mano la situazione? Che cosa deve ancora accadere oltre al contenuto diffuso, a un’inchiesta penale in corso e a quanto successo all’interno della struttura?”.

News e approfondimenti Ticino
© 2021 , All rights reserved