Cronaca
Il Festival degli imbecilli. Quarantenne ubriaco dà fuoco a materiale infiammabile e danneggia il maxi schermo di piazza Grande. Beccato e fermato dalla polizia
L’uomo era già stato fermato dalla polizia perché, ubriaco, stava creando problemi alla Rotonda
LOCARNO – Quello che è accaduto la notte scorsa è la riprova che in giro si incontra sempre qualche imbecille. Un uomo sulla quarantina, visibilmente ubriaco, ha dato fuoco a materiale infiammabile depositato sotto il maxi schermo del Festival, danneggiando anche il telone. La notizia è stata riportata dalla RSI (che sul suo portale ha pubblicato la foto che riprendiamo in questo articolo).

L’uomo era già stato fermato dalla polizia perché, ubriaco, stava creando problemi alla Rotonda. Dopo essere stato ricoverato in ospedale e dimesso poco dopo, è sceso in piazza ed ha dato sfogo al suo spirito vandalico. Poi si è dato alla fuga ma è già stato ripreso e si trova ora in stato di fermo.
Già durante la notte i tecnici del Festival hanno eseguito prove per testare la tenuta dello schermo. Nessun danno irreparabile. La proiezione delle 21.30 questa sera avverrà regolarmente.



Pubblicato il 06.08.2016 12:21

Guarda anche
Cronaca
Il pilota della Swisshelicopter era da poco decollato dalla base dell’aeroporto di Magadino. Stava effettuando con il passeggero lo stesso volo di prova che abbiamo fatto lunedì scorso. Si sorvola un tratto di lago, poi la diga della Verzasca, e si entra nella Valle
Cronaca
Le ricerche da parte della polizia per individuare il pilota del drone sono state subito avviate e questi è stato rintracciato presso la diga della Verzasca. Si tratta di uno svizzero 42enne domiciliato nel canton Lucerna verrà denunciato all'Ufficio federale dell'aviazione
Cronaca
Distratto dai commenti degli utenti che partecipavano alla live non si accorge dell'arrivo di un altro veicolo in senso opposto. Lo schianto frontale è stato inevitabile
Cronaca
Durante la Conferenza episcopale italiana, il Santo Padre ha inoltre dichiarato: "Nei seminari esistono tendenze che sono profondamente radicate e che si declinano in veri e propri atti omosessuali"