Politica e Potere
Marco Romano sull'articolo di liberatv: "La mafia è un male subdolo perché si radica senza ferire, ma lacera il tessuto economico e sociale! Le Istituzioni non lo negano, ma si rimpallano le responsabilità e agiscono con metodi 'troppo svizzeri'. Apriamo gli occhi, guardiamoci in giro”.
Il consigliere nazionale, che da tempo si occupa di questo dossier nella sua attività parlamentare a Berna, ritiene il contributo del nostro portale “preciso e pertinente, da leggere!”
Foto: TiPress/Francesca Agosta
BERNA/MENDRISIO - “Apriamo gli occhi, guardiamoci in giro”. È l’invito che Marco Romano fa ai suoi follower rilanciando l’analisi di Liberatv “La Mafia addosso”.

Il consigliere mazionale PPD, che da tempo si occupa di questo dossier nella sua attività parlamentare a Berna, ritiene il contributo del nostro portale “preciso e pertinente, da leggere!”.

La mafia, scrive Romano, “è un male subdolo perché si radica senza ferire, ma lacera il tessuto economico e sociale!”.

“Il fenomeno - aggiunge il deputato - è presente in Ticino, le Istituzioni competenti non lo negano, ma si rimpallano le responsabilità e agiscono con metodi “troppo svizzeri”. Apriamo gli occhi, guardiamoci in giro”.

"Occorre intervenire e lo spunto iniziale parte a livello locale! Parliamo di criminalità internazionale organizzata…”.

Pubblicato il 18.05.2017 18:15

Guarda anche
Politica e Potere
I Giovani liberali radicali svizzeri (GLRS) hanno preso posizione oggi, nel corso della loro assemblea dei delegati, in favore dell’iniziativa "No Billag"
Politica e Potere
“Questo sbaglio – spiega il Municipio - ha originato una lunga e intricata vertenza fra i due Comuni in quanto Lavertezzo, che inizialmente aveva scritto a Locarno che avrebbe restituito la somma percepita per errore, ora si rifiuta di farlo. Nell’ottica della collaborazione tra enti istituzionali e dell'etica che dovrebbe reggere l’agire degli organi pubblici, il Municipio di Locarno deplora il comportamento assunto dai colleghi di Lavertezzo”
Politica e Potere
SECONDO ME - Il deputato leghista si schiera a favore dell'iniziativa per l'abolizione del canone: " Il fatto di avere due canali di televisione e tre di radio e di ricevere una marea di soldi per gestirli non significa che questi soldi, pagati da ogni svizzero, possono essere dilapidati in progetti inutili e senza rendersi conto che fuori da Comano esiste un mondo con il quale anche la RSI deve confrontarsi"
Politica e Potere
Dopo la presidenza del fondatore Giuliano Bignasca, il coordinamento del fratello Attilio, ora si passa a una gestione collegiale del Movimento di via Monte Boglia. Tutti leader, nessun leader, si potrebbe riassumere. Una modalità sconosciuta alle nostre latitudini dove siamo abituati ad avere un presidente per ogni partito