Bar Sport
Non è un Re ma un Imperatore: chiamiamolo Roger Magno. Federer vince Wimbledon per l'ottava volta: nessuno come lui nella storia del tennis
Lo svizzero, prossimo a 36 anni (ma l’anagrafe per lui sembra non contare…) ha sconfitto in finale Marin Cilic per 6/3 6/1 6/4 in poco più di un'ora e mezza di gioco: 3 set a 0 e tutti a casa
LONDRA - E sono otto. Roger Federer ha vinto ancora una volta Wimbledon aggiungendo un altro straordinario capitolo alla sua stupefacente carriera. E un altro record: è infatti il primo tennista della storia ad uscire per l’ottava volta vincitore dai prati del torneo londinese. Più che un Re, a questo punto, un vero e proprio imperatore: chiamiamolo Roger Magno.

 

Lo svizzero, prossimo a 36 anni (ma l’anagrafe per lui sembra non contare…) ha sconfitto in finale Marin Cilic per 6/3 6/1 6/4 in poco più di un'ora e mezza di gioco: 3 set a 0 e tutti a casa.

 

Per Federer si tratta del 19esimo titolo del Grande Slam. Altro record ma ormai non si contano più…..



Pubblicato il 16.07.2017 17:07

Guarda anche
Bar Sport
Federer è il giocatore che è stato più a lungo il numero 1 del mondo, sia come totale di settimane in vetta al ranking mondiale ATP (302), sia per il totale di settimane consecutive (237, dal 2 febbraio 2004 al 17 agosto 2008). E che ha vinto più titoli nei tornei del Grande Slam (20), che ha partecipato al maggior numero di finali (30) e che ha vinto il maggior numero di partite negli Slam (332). È stato l'unico tennista della storia capace di vincerne 3 su 4 in 3 anni diversi (2004, 2006, 2007)
Bar Sport
“Ho avuto momenti felici e altri meno – ha detto in occasione dei suoi 80 anni - ho ricoperto incarichi importanti, comunque sia mi sono proprio divertito”. Ma il suo grande rammarico fu quel mondiale perso in semifinale con l’Argentina ai rigori
Bar Sport
Federer ha bissato il successo dello scorso anno quando conquistò la manifestazione battendo Rafa Nadal
Bar Sport
Il Ministro torna sul caotico pomeriggio di domenica scorsa, quando gli ultrà del Losanna hanno portato sconquasso alla pista leventinese. "Nonostante il buon lavoro offerto dai miei serviti, bisogno rivedere l'approccio. Col mio Dipartimento mi impegnerò in quella direzione"