Cronaca
Lugano: è guerra dei bus! Le Autolinee Regionali Luganesi sparano a zero sul Cantone: "Siamo basiti: ci hanno sottratto il trasporto di 230 allievi a Pregassona. Un servizio che detenevamo dal 1970!!!"
Durissima nota stampa del direttore delle ARL, che na ha per tutti: "Il lupo (Argo) perde il pelo ma non il vizio. Vittime di dumping da parte dello Stato. Altro che prima i nostri… l’esatto contrario! E che lunedì nessuno si azzardi a utilizzare le fermate pubbliche di linea!”
LUGANO - “Le Autolinee Regionali Luganesi (ARL SA) sono basite”. Comincia così un durissimo comunicato stampa firmato dal direttore della società di trasporti Curzio Bernasconi. Ma cosa è successo? “Trenta giorni prima l’inizio dell’anno scolastico - si legge nella nota - le ARL si vedono “sottrarre”, senza alcun motivo, il servizio di trasporto di 230 allievi della scuola media di Pregassona che detenevano dal 1970!!! E fino qualche giorno prima, le ARL avevano avuto rassicurazioni dagli organi cantonali preposti sul fatto che il mandato sarebbe proseguito fino alla fine dell’anno scolastico 2020/2021”.

Bernasconi, quindi, ricostruisce la vicenda: “Senza alcun preavviso e senza alcuna informazione preventiva il Consiglio di Stato, tramite il DECS, pubblica sul Foglio Ufficiale il 28 luglio scorso il concorso per prestazioni di trasporto scolastico per gli allievi della scuola media di Pregassona a partire dall’anno scolastico 2017/2018. Aumentano il servizio da 5 tratte a 6 tratte. Un concorso promosso – in fretta e furia – con scadenza l’8 agosto, l’apertura delle buste il 9 agosto e l’inizio del mandato il 28 agosto 2017.

Nel concorso viene fatto riferimento anche ad un contratto collettivo di lavoro. Con questa condizione il Consiglio di Stato svaluta i minimi salariali fissati dalla Confederazione per il settore degli autobus penalizzando tutte le imprese di trasporto pubblico del Cantone. In questo modo consorzi e privati vengono scandalosamente favoriti rispetto alle aziende di trasporto pubblico concessionarie che sono vittime di dumping da parte dello Stato. Con questo le ARL vengono irrimediabilmente escluse dal concorso al quale non possono partecipare. Altro che prima i nostri… l’esatto contrario!”

 

“Si tratta - prosegue la nota - di una palese violazione del diritto federale in quanto è stato messo a concorso un trasporto regolare sulla linee in concessione federale alle ARL. Da qui la decisione delle ARL di promuovere ricorso al Tribunale Cantonale Amministrativo che ne ha concesso l’effetto sospensivo, vietando immediatamente al DECS di aprire le offerte.

L’introduzione da parte di ditte terze con un minimo di 48 percorrenze giornaliere nei due sensi sulla linea in concessione alle ARL, causerebbe seri problemi alla linea e alle fermate, aumentando traffico, pericoli, inquinamento e disagi per gli utenti, gli automobilisti, i motociclisti ed i ciclisti che su queste tratte sono veramente tanti.

L’esclusione arbitraria e immediata delle ARL e l’inserimento di una ditta terza, incaricata di un servizio alternativo, comporta l’inevitabile licenziamento di 5/6 dipendenti e il mancato utilizzo, con rilevante perdita finanziaria, di autobus speciali in dotazione”.

 

“Alle ARL - prosegue il comunicato - non ci si capacita anche perché la situazione creatasi è altresì negativa in quanto il Cantone, suo azionista in ragione del 41,17%, agisce in maniera autolesionistica, arbitraria e sconsiderata. Cosa ancora più grave il fatto che sarebbe stato affidato tramite un mandato diretto a due ditte innominate (RICORDIAMO IL CASO ARGO) il compito di trasportare gli allievi di Pregassona. Incarico che si protrarrebbe solo fino a dicembre 2017. Tutto questo pure essendo noto che le ARL – Società Autolinee Regionali Luganesi hanno comunicato ufficialmente a tutti gli addetti ai lavori che dal 28 agosto 2017 metteranno in esercizio tutte le necessarie corse di sussidio SULLA LINEA 62-459 (chiamata 62-461) per servire gli allievi della Scuola Media di Pregassona, da e per la Sede”.

 

“L’accanimento del Lupo (ARGO) - attacca ancora il direttore delle ARL - in questo caso è veramente masochistico e penalizzante per tutta la popolazione della sponda sinistra del Cassarate. Cosa ne pensa il signor Claudio Zali che da tempo trova soddisfazione ad accanirsi contro ARL (o contro il sottoscritto?)”.

 

“Le ARL - termina la nota - avvisano che lunedì 28 agosto 2017, giorno di Sant’Argostino, conformemente alle disposizioni della Legge e delle Ordinanze federali, potenzieranno i servizi della linea 62-459 (chiamata 62-461) da Villa Luganese – Sonvico – Dino – Cadro – Casteldavesco – Davesco – Soragno fino alla Sede della Scuola Media di Pregassona e fanno notare che nessun’altra ditta, società, azienda, ecc. è autorizzata a far capo alle strutture, fermate, piazzali di ARL. Essendo per il momento questa ditta “innominata” la Società Autolinee Regionali Luganesi diffida pubblicamente chiunque e chicchessia ad usare, stazionare, invadere, da subito ed in ogni momento, tutte le strutture e le fermate del trasporto pubblico della linea”.



Pubblicato il 25.08.2017 17:27

Guarda anche
Cronaca
Ho fatto una cosa stupida, di cui sono profondamente pentita, ha confessato la ragazza, “ma non l’ho fatto per mettermi in mostra. Ora voglio solo che la smettano di dire che ho messo in vendita la mia verginità. L’ho ripetuto pure ai miei compagni di classe che mi hanno chiesto se era vero: no, non è vero, non ho mai pensato seriamente di farlo”
Cronaca
Grazie ad un sorvolo in elicottero è stato possibile individuare e successivamente recuperare il corpo senza vita dell'uomo. L'infortunio letale, le cui cause saranno appurate dall'inchiesta di polizia, si è verificato fuori dalle piste delimitate
Cronaca
Tassello dopo tassello si delinea il disegno del mosaico contenuto nel rapporto dell’avvocato Marco Bertoli sul caso Argo1. Il perito del Governo dovrebbe consegnare a settimane il documento definitivo, ma intanto alcune indiscrezioni sono emerse
Cronaca
Confronto sulla sicurezza ieri sera a Paradiso. Dounia Rezzonico: “Cinque anni di carcere per chi porta la mafia sul nostro territorio sono troppo pochi". Michele Bertini: “È importante investire nelle banche dati, come in quella del controllo abitanti". Stefano Piazza: "La Svizzera è un hub per terrorismo e mafie". Norman Gobbi: "In Ticino percepiamo in anticipo questi fenomeni perché abbiamo una metropoli alle porte. Ma i colleghi d’oltralpe non lo capiscono..."