Bar Sport
Aldo Merlini lascia tutti a bocca aperta al Golf di Ascona e mette a segno un colpo alla Tiger Woods. Infila la pallina in buca in un solo tiro da 140 metri. Le statistiche dicono che, come dilettante, aveva una possibilità su 40'000 di fare una 'hole in one'  Video
Sabato scorso durante una gara tra professionisti e dilettanti al Golf Patriziale di Ascona, la ‘Pro-Am’ il presidente dell’Organizzazione turistica Lago Maggiore, Aldo Merlini, ha compiuto un’impresa che ha lasciato tutti a bocca aperta. GUARDA IL VIDEO
ASCONA - Sabato scorso durante una gara tra professionisti e dilettanti al Golf Patriziale di Ascona, la ‘Pro-Am’ il presidente dell’Organizzazione turistica Lago Maggiore, Aldo Merlini, ha compiuto un’impresa che ha lasciato tutti a bocca aperta.

In un sol colpo, Merlini, che ovviamente gioca tra i dilettanti, ha imbucato la pallina alla pista numero 7 dopo un tiro di circa 140 metri, utilizzando la mazza numero 7. Tecnicamente questo colpo si chiama ‘hole in one’. Secondo le statistiche internazionali, un dilettante ha una probabilità di una su 40'000, mentre un professionista ne ha una su 2'500.  E chissà che ora, dopo questo colpo alla Tiger Woods, Merlini pensi al professionismo…




Pubblicato il 06.09.2017 18:07

Guarda anche
Bar Sport
Ieri, nella sua lettera aperta a tifosi e simpatizzanti, il presidente, Michele Nicora, ha precisato: “Le informazioni di circa 900'000 franchi di debiti sono erronee, in quanto dalla lista non sono stralciate posizioni contestate, posizioni saldate e non ancora cancellate, posizioni doppie e piani di rientro firmati dalle parti e non ancora cancellati. La cifra esatta stimata ieri ammonta a circa 480'000, non poco, ma non l'enorme cifra menzionata”
Bar Sport
Secondo indiscrezioni raccolte da Liberatv il fallimento sarebbe stato determinato dall’AVS che vanta dal club crediti per circa 150’000 franchi. I debiti globali del club sfiorano il milione di franchi
Bar Sport
L’hashtag è usato e abusato – vivo in un paese dove non serve photoshop – e spopola ormai da un paio d’anni su Twitter. Ma se quella frase, preceduta dall’immancabile simbolo del cancelletto, la scrive Lara Gut, diventa quasi memorabile