Cronaca
Giallo a Brione Sopra Minusio. Alcuni cittadini denunciano: conigli usati da cacciatori come esche per i cinghiali. L'associazione Angels4Animals rilancia la segnalazione, ma poi scrive: "Al guardiacaccia non risulta e dice che i cinghiali non sono attratti dai conigli"
Gli autori della segnalazione scrivono che “oggi sono state trovate due scatole, una vuota con un coniglio morto nelle vicinanze, una con un coniglio vivo ma terrorizzato”
BRIONE SOPRA MINUSIO – “Dei cacciatori stanno usando illegalmente dei conigli vivi, imprigionati dentro scatole di cartone, nei boschi in vicinanza di abitati, per attirare i cinghiali”. L’informazione arriva da alcuni abitanti di Brione sopra Minusio ed è stata ripresa dall’associazione animalista Angels4Animals, che l’ha condivisa sulla sua bacheca Facebook. Gli autori della segnalazione scrivono che “oggi sono state trovate due scatole, una vuota con un coniglio morto nelle vicinanze, una con un coniglio vivo ma terrorizzato”.

La domanda che sorge spontanea è: ‘fake new’, ipotesi fantasiosa o verità? Sia come sia, uno degli amministratori della pagina dell’associazione animalista ha fatto qualche verifica: “Ho contattato il guardiacaccia e a lui nessuna segnalazione è stata fatta. Pertanto non mettiamo in dubbio il ritrovamento dei conigli ma di sicuro non erano esche dei cacciatori. Il guardiacaccia dice che i cinghiali non sono attratti da conigli”.



Pubblicato il 13.09.2017 17:38

Guarda anche
Cronaca
Ho fatto una cosa stupida, di cui sono profondamente pentita, ha confessato la ragazza, “ma non l’ho fatto per mettermi in mostra. Ora voglio solo che la smettano di dire che ho messo in vendita la mia verginità. L’ho ripetuto pure ai miei compagni di classe che mi hanno chiesto se era vero: no, non è vero, non ho mai pensato seriamente di farlo”
Cronaca
Grazie ad un sorvolo in elicottero è stato possibile individuare e successivamente recuperare il corpo senza vita dell'uomo. L'infortunio letale, le cui cause saranno appurate dall'inchiesta di polizia, si è verificato fuori dalle piste delimitate
Cronaca
Tassello dopo tassello si delinea il disegno del mosaico contenuto nel rapporto dell’avvocato Marco Bertoli sul caso Argo1. Il perito del Governo dovrebbe consegnare a settimane il documento definitivo, ma intanto alcune indiscrezioni sono emerse
Cronaca
Confronto sulla sicurezza ieri sera a Paradiso. Dounia Rezzonico: “Cinque anni di carcere per chi porta la mafia sul nostro territorio sono troppo pochi". Michele Bertini: “È importante investire nelle banche dati, come in quella del controllo abitanti". Stefano Piazza: "La Svizzera è un hub per terrorismo e mafie". Norman Gobbi: "In Ticino percepiamo in anticipo questi fenomeni perché abbiamo una metropoli alle porte. Ma i colleghi d’oltralpe non lo capiscono..."