Politica e Potere
Il mentalista Daniele Er ci ha azzeccato: aveva previsto l'elezione di Ignazio Cassis in Consiglio federale. E annuncia una seconda previsione: un fatto che accadrà nelle prossime tre settimane Video
Sabato pomeriggio negli studi di Radio Fiume Ticino è stata aperta la busta sigillata nella quale Er aveva inserito la sua previsione sulla nomina del nuovo consigliere federale
LOCARNO - Il mentalista locarnese Daniele Er ci ha azzeccato. Sabato pomeriggio negli studi di Radio Fiume Ticino è stata aperta la busta sigillata nella quale Er aveva inserito la sua previsione sulla nomina del nuovo consigliere federale. E la previsione ha coinciso con la realtà: Ignazio Cassis.

Anche questa parte della sfida, come la precedente, è stata filmata. La busta era stata consegnata allo speaker radiofonico Damiano Giannini, che l’ha conservata chiusa fino all’altro ieri, appunto.

Daniele Er, come mostra il video, ha annunciato anche una seconda previsione: si tratta di un evento che dovrebbe accadere nelle prossime tre settimane. In questo caso il foglio che lo descrive è stato chiuso in una piccola cassetta di sicurezza che è stata consegnata sempre a Giannini.


Pubblicato il 25.09.2017 10:00

Guarda anche
Politica e Potere
I Giovani liberali radicali svizzeri (GLRS) hanno preso posizione oggi, nel corso della loro assemblea dei delegati, in favore dell’iniziativa "No Billag"
Politica e Potere
“Questo sbaglio – spiega il Municipio - ha originato una lunga e intricata vertenza fra i due Comuni in quanto Lavertezzo, che inizialmente aveva scritto a Locarno che avrebbe restituito la somma percepita per errore, ora si rifiuta di farlo. Nell’ottica della collaborazione tra enti istituzionali e dell'etica che dovrebbe reggere l’agire degli organi pubblici, il Municipio di Locarno deplora il comportamento assunto dai colleghi di Lavertezzo”
Politica e Potere
SECONDO ME - Il deputato leghista si schiera a favore dell'iniziativa per l'abolizione del canone: " Il fatto di avere due canali di televisione e tre di radio e di ricevere una marea di soldi per gestirli non significa che questi soldi, pagati da ogni svizzero, possono essere dilapidati in progetti inutili e senza rendersi conto che fuori da Comano esiste un mondo con il quale anche la RSI deve confrontarsi"
Politica e Potere
Dopo la presidenza del fondatore Giuliano Bignasca, il coordinamento del fratello Attilio, ora si passa a una gestione collegiale del Movimento di via Monte Boglia. Tutti leader, nessun leader, si potrebbe riassumere. Una modalità sconosciuta alle nostre latitudini dove siamo abituati ad avere un presidente per ogni partito