Pane e vino
Metti una sera a cena con... Norman. L'evento di beneficenza all'Atenaeo del Vino di Mendrisio frutta 17'000 franchi a favore del Servizio Ambulanze. Ritirati seduta stante dal direttore, Paolo Barro
Per il secondo anno consecutivo ai fornelli dell’Atenaeo del Vino si è messo il ministro Norman Gobbi, scegliendo il menu cucinato insieme alla brigata del patron del ristorante, Mirko Rainer
MENDRISIO – Diciassettemila franchi. A tanto ammonta la somma raccolta venerdì sera in occasione della cena di beneficenza per il Servizio ambulanze di Mendrisio (SAM).
Per il secondo anno consecutivo ai fornelli dell’Atenaeo del Vino si è messo il ministro Norman Gobbi, scegliendo il menu cucinato insieme alla brigata del patron del ristorante, Mirko Rainer.

Questa volta niente tavolate, ma uno standing dinner di 16 portate. Piatti forti: raviolini del plin, maltagliati al ragù di cinghiale, risotto al burro dell’alpe di Piora con porcini, mirtilli e spinaci, cosciotti di maiale al forno, cotti nel ‘Green Egg’ per 9 ore. E alla fine, oltre a diversi dolci, una forma di formaggio dell’alpe Ravina messa a disposizione dallo stesso Gobbi.

La somma raccolta, consegnata seduta stante al direttore del SAM, Paolo Barro, è il frutto della partecipazione dei circa 70 commensali, oltre che dell’asta finale, durante la quale sono state messe in palio una maglia del Lugano (di Luca Fazzini), una firmata dai giocatori dell’Ambrì, e il casco della sciatrice Lara Gut.
Il tutto ha fruttato poco più di 16'000 franchi, arrotondati a 17'000 grazie a un’anonima benefattrice di Tremona.

Il tema della serata era basato sulla poesia visiva del pittore Angelo Maugeri: “Uomo unità di misura”.
Il risultato non sarebbe stato possibile senza il contributo di diversi sponsor: Gialdi, Brivio, Paolo Basso Wine, Fratelli Corti, Salumificio del Castello, Ortofrutticola Oberti, impresa Martinelli, Securca, VideoPro, Rainer Coltelli, Arreda, Chicco d’Oro… E senza il coordinamento dell’evento da parte del sindaco di Vico Morcote, Giona Pifferi.



Pubblicato il 30.09.2017 10:51

Guarda anche
Pane e vino
Il miglior rosato o bianco di Merlot e il “Premio Vinofed” ricompensano invece rispettivamente il Bucaneve 2017 della Cantina Giubiasco e il Merlot 2015 delle Cantine Ghidossi
Pane e vino
La manifestazione si snoderà in tre diverse tappe facilmente percorribili, nelle quali potrete gustare tutto il meglio del Ticino ortofrutticolo interpretato dall'estro culinario di Davide Asietti, chef del Blu Restaurant& Lounge di Locarno
Pane e vino
Come dice Uberto Valsangiacomo, presidente di Ticinowine nel suo invito, "sarà un fine settimana all'insegna del vino e della sua cultura che, mi piace sottolineare, da millenni è parte integrante della nostra storia ed ha contribuito nei secoli alla crescita sociale, economica e tecnica delle popolazioni europee"
Pane e vino
Si chiama “Miro’s” ed è la linea di vini – commercializzata da Angelo Delea - del produttore Mattia Bianda, che nei suoi vigneti di famiglia situati nelle terre del Locarnese, ha concretizzato con il suo lavoro un ricordo dedicato al nonno Miro, noto come il viticoltore con la rosa fra le labbra