Politica e Potere
Gran Consiglio: si è dimesso Paolo Sanvido. Il deputato leghista lascia dopo la decisione del Parlamento sui conflitti di interesse: "Resto presidente dell'EOC"
Sanvido è l’unico parlamentare toccato dalla restrizione approvata dal Gran Consiglio che ha reso incompatibile la cariche di deputato e con quella di membro di CdA delle aziende pubbliche
Ti Press
BELLINZONA - Paolo Sanvido si è dimesso dal Gran Consiglio. Il deputato leghista ha deciso di lasciare il Parlamento, con effetto immediato, a seguito della decisione del Legislativo che ha reso incompatibili le cariche di deputato e di membro di CdA delle aziende pubbliche.

 

Sanvido - presidente del Consiglio d’Amministrazione dell’Ente Ospedaliero (EOC) - è l’unico parlamentare toccato da questa restrizione. Alla Regione, che ha anticipato la notizia, ha così motivato la sua scelta: “Legalmente avrei potuto restare ancora in parlamento, ma dai politici ci si aspetta azioni che vanno al di là del semplice limite legale. Continuerò ad impegnarmi per il Ticino della sanità restando presidente dell’EOC”.



Pubblicato il 14.11.2017 10:10

Guarda anche
Politica e Potere
I Giovani liberali radicali svizzeri (GLRS) hanno preso posizione oggi, nel corso della loro assemblea dei delegati, in favore dell’iniziativa "No Billag"
Politica e Potere
“Questo sbaglio – spiega il Municipio - ha originato una lunga e intricata vertenza fra i due Comuni in quanto Lavertezzo, che inizialmente aveva scritto a Locarno che avrebbe restituito la somma percepita per errore, ora si rifiuta di farlo. Nell’ottica della collaborazione tra enti istituzionali e dell'etica che dovrebbe reggere l’agire degli organi pubblici, il Municipio di Locarno deplora il comportamento assunto dai colleghi di Lavertezzo”
Politica e Potere
SECONDO ME - Il deputato leghista si schiera a favore dell'iniziativa per l'abolizione del canone: " Il fatto di avere due canali di televisione e tre di radio e di ricevere una marea di soldi per gestirli non significa che questi soldi, pagati da ogni svizzero, possono essere dilapidati in progetti inutili e senza rendersi conto che fuori da Comano esiste un mondo con il quale anche la RSI deve confrontarsi"
Politica e Potere
Dopo la presidenza del fondatore Giuliano Bignasca, il coordinamento del fratello Attilio, ora si passa a una gestione collegiale del Movimento di via Monte Boglia. Tutti leader, nessun leader, si potrebbe riassumere. Una modalità sconosciuta alle nostre latitudini dove siamo abituati ad avere un presidente per ogni partito